foroeuropeo.it foro rivista

962 visitatori e 7 utenti online

art. 23 - Conferimento dell'incarico (2014)

codice deontologico forense (2014)

Articolo vigente

TITOLO II - RAPPORTI CON IL CLIENTE E CON LA PARTE ASSISTITA

Art. 23 - Conferimento dell'incarico

1. L'incarico è conferito dalla parte assistita; qualora sia conferito da un terzo, nell'interesse proprio o della parte assistita, l'incarico deve essere accettato solo con il consenso di quest'ultima e va svolto nel suo esclusivo interesse.

2. L'avvocato, prima di assumere l'incarico, deve accertare l'identità della persona che lo conferisce e della parte assistita.

3. L'avvocato, dopo il conferimento del mandato, non deve intrattenere con il cliente e con la parte assistita rapporti economici, patrimoniali, commerciali o di qualsiasi altra natura, che in qualunque modo possano influire sul rapporto professionale, salvo quanto previsto dall'art. 25.

4. L'avvocato non deve consigliare azioni inutilmente gravose.

5. L'avvocato è libero di accettare l'incarico, ma deve rifiutare di prestare la propria attività quando, dagli elementi conosciuti, desuma che essa sia finalizzata alla realizzazione di operazione illecita.

6. L'avvocato non deve suggerire comportamenti, atti o negozi nulli, illeciti o fraudolenti.

7. La violazione dei doveri di cui ai commi 1 e 2 comporta l'applicazione della sanzione disciplinare dell'avvertimento. La violazione dei divieti di cui ai commi 3 e 4 comporta l'applicazione della sanzione disciplinare della censura. La violazione dei doveri di cui ai commi 5 e 6 comporta l'applicazione della sanzione disciplinare della sospensione dall'esercizio dell'attività professionale da uno a tre anni. 


 

Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le massime di riferimento in ordine di pubblicazione - La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista. E' possibile attivare una ricerca full test inserendo la parola chiave nel campo "cerca"

Rapporti economici con il proprio assistito - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 23 settembre 2017, n. 125Rapporti economici con il proprio assistito - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 23 settembre 2017, n. 125
Vietato intrattenere rapporti economici con il proprio assistito (diversi da quelli derivanti dal mandato) Dopo il conferimento del mandato, l’avvocato non deve intrattenere con il cliente e con la parte assistita rapporti economici, patrimoniali, commerciali o di qualsiasi altra natura, che in qualunque modo possano influire sul rapporto professionale (art. 23 ncdf, già art. 35 cod. prev.), fatti salvi gli accordi sulla definizione del compenso ex art. 25 cdf (Nel caso di specie, in applicazione del principio di cui in massima, il CNF ha...
Rapporti economici con il proprio assistito - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 13 luglio 2017, n. 102Rapporti economici con il proprio assistito - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 13 luglio 2017, n. 102
Vietato intrattenere rapporti economici con il proprio assistito (diversi da quelli derivanti dal mandato) Dopo il conferimento del mandato, l’avvocato non deve intrattenere con il cliente e con la parte assistita rapporti economici, patrimoniali, commerciali o di qualsiasi altra natura, che in qualunque modo possano influire sul rapporto professionale (art. 23 ncdf, già art. 35 cod. prev.), fatti salvi gli accordi sulla definizione del compenso ex art. 25 cdf (Nel caso di specie, approfittando dello stato psicologico-depressivo del proprio...
Contratto di patrocinio stipulato con un ente pubblico - Conferimento del mandato unitamente ad altri avvocati interni Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 17506 del 30/08/2005Contratto di patrocinio stipulato con un ente pubblico - Conferimento del mandato unitamente ad altri avvocati interni Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 17506 del 30/08/2005
Contratto di patrocinio stipulato con un ente pubblico - Conferimento del mandato unitamente ad altri avvocati interni . Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 17506 del 30/08/2005 Contratto di patrocinio stipulato con un ente pubblico - Conferimento del mandato unitamente ad altri avvocati interni Qualora un avvocato svolga, anche se in regime di parasubordinazione , opera professionale in favore di un ente pubblico in virtù di mandato conferitogli unitamente ad altri avvocati interni dell'ente stesso, il contratto di patrocinio non...
Conferimento di incarico da svolgere in favore di un terzo - Duplicità di rapporti Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 24010 del 27/12/2004Conferimento di incarico da svolgere in favore di un terzo - Duplicità di rapporti Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 24010 del 27/12/2004
Conferimento di incarico da svolgere in favore di un terzo - Duplicità di rapporti - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 24010 del 27/12/2004 Conferimento di incarico da svolgere in favore di un terzo - Duplicità di rapporti - Procura rilasciata congiuntamente a due avvocati Ai fini di individuare il soggetto obbligato a corrispondere il compenso professionale al difensore, occorre distinguere tra rapporto endoprocessuale nascente dal rilascio della procura ad litem e rapporto che si instaura tra il professionista incaricato ed il...
Difesa d'ufficio - Rifiuto di svolgere l'incarico - generici motiviDifesa d'ufficio - Rifiuto di svolgere l'incarico - generici motivi
di coscienza personale -Dovere etico e giuridico di provvedere alla difesa dei non abbienti (Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 2 aprile 2003, n. 5075) Difesa d'ufficio - Rifiuto di svolgere l'incarico - Generici motivi di coscienza personale - dovere etico e giuridico di provvedere alla difesa dei non abbienti (Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 2 aprile 2003, n. 5075)SVOLGIMENTO DEL PROCESSOIl Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Firenze iniziava procedimento disciplinare a carico dell'avvocato Michele...
Difesa d'ufficio - Rifiuto di svolgere l'incarico - Genericimotivi di coscienza personaleDifesa d'ufficio - Rifiuto di svolgere l'incarico - Genericimotivi di coscienza personale
Avvocato - Difesa d'ufficio - Rifiuto di svolgere l'incarico - Genericimotivi di coscienza personale - dovere etico egiuridico di provvedere alla difesa dei non abbienti Difesa d'ufficio - Rifiuto di svolgere l'incarico - Generici motivi di coscienza personale - dovere etico e giuridico di provvedere alla difesa dei non abbienti (Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 2 aprile 2003, n. 5075)SVOLGIMENTO DEL PROCESSOIl Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Firenze iniziava procedimento disciplinare a carico dell'avvocato Michele...


Stampa Email

FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica
Rivista Specialistica - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma

Elenco Speciale Ordine Giornalisti del Lazio
Direttore avv. Domenico Condello

Foroeuropeo S.r.l.
Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma
CF- PI 1398997100

Copyright © 2001 - 2018 - tutti i diritti riservati

Comitato Redazione e Collaboratori

Collabora con foroeuropeo

pubblicità - note legali