Insinuazione al passivo - Contratto di leasing - Estratti conto bancari - “Data valuta” - Data certa - Esclusione - Ragioni.

In tema di insinuazione allo stato passivo, le "date valuta" risultanti dagli estratti conto bancari relativi al contratto di leasing, non sono idonee a provare il tempo in cui le relative operazioni sono state realmente effettuate, né a conferire data certa alle stesse, essendo nella prassi bancaria utilizzate dette date in maniera convenzionale per postergare il tempo di effettuazione dei versamenti ed antergare invece quello dei prelievi.

Corte di Cassazione, Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 4953 del 25/02/2020 (Rv. 657228 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Civ_art_2704, Dlgs_14_2019_art_203

FALLIMENTO ED ALTRE PROCEDURE CONCORSUALI

FALLIMENTO

PASSIVITA' FALLIMENTARI

 

♦ MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA: