Comunione dei diritti reali - comproprietà indivisa - uso della cosa comune - estensione e limiti - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 14213 del 07/08/2012

Print Friendly, PDF & Email

Sottrazione della facoltà di godimento e disposizione del bene - Danno "in re ipsa" da lucro cessante - Portata - Liquidazione in base ai frutti civili illegittimamente tratti dall'uso esclusivo - Configurabilità.

In tema di uso della cosa comune, nell'ipotesi di sottrazione delle facoltà dominicali di godimento e disposizione del bene, è risarcibile, sotto l'aspetto del lucro cessante, non solo il lucro interrotto, ma anche quello impedito nel suo potenziale esplicarsi, ancorché derivabile da un uso della cosa diverso da quello tipico. Tale danno, da ritenersi "in re ipsa", ben può essere quantificato in base ai frutti civili che l'autore della violazione abbia tratto dall'uso esclusivo del bene, imprimendo ad esso una destinazione diversa da quella precedente.

Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 14213 del 07/08/2012

CONDOMINIO

USO DELLA COSA COMUNE

Accedi

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

Menu Offcanvas Mobile