Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione

Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione (Sentenza Corte Costituzionale)"

Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione

SENTENZA N. 219 ANNO 2002

REPUBBLICA ITALIANA
In nome del Popolo italiano
LA CORTE COSTITUZIONALE

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nei giudizi di legittimità costituzionale dell’art. 34, comma 4, del d.lgs. 17 agosto 1999, n. 368 (Attuazione della direttiva 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli e delle direttive 97/50/CE, 98/21/CE, 98/63/CE e 99/46/CE che modificano la direttiva 93/16/CEE), promossi con ordinanze emesse l’11 luglio e il 26 settembre 2001 dal Tribunale amministrativo regionale dell’Umbria, iscritte ai nn. 880 e 952 del registro ordinanze 2001 e pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica nn. 43 e 49, prima serie speciale, dell’anno 2001.
Visti l’atto di costituzione di Giovanna Maria Gatti nonché gli atti di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;
udito nell’udienza pubblica del 26 marzo 2002 il Giudice relatore Valerio Onida;uditi l’avvocato Fabrizio Figorilli per Giovanna Maria Gatti e l’avvocato dello Stato Sergio Laporta per il Presidente del Consiglio dei ministri.

Ritenuto in fatto
1. – Nel corso del giudizio introdotto da un medico, specialista in radioterapia, nei confronti dell’Università degli studi di Perugia e del Ministero della ricerca scientifica e tecnologica per l’annullamento del bando di concorso per l’ammissione alla Scuola di specializzazione in Chirurgia generale della Facoltà di Medicina e chirurgia di quell’ateneo per l’anno accademico 2000-2001, nonché del provvedimento che la escludeva dal concorso in applicazione dell’art. 34, comma 4, del d.lgs. 17 agosto 1999, n. 368 (Attuazione della direttiva 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli e delle direttive 97/50/CE, 98/21/CE, 98/63/CE e 99/46/CE che modificano la direttiva 93/16/CEE), disposizione che non consente l’accesso ai corsi di formazione specialistica a chi sia già in possesso di un diploma di specializzazione, il Tribunale amministrativo regionale dell’Umbria, con ordinanza emessa l’11 luglio e pervenuta l’8 ottobre 2001 (reg. ord. n. 880 del 2001), su eccezione della ricorrente, ha sollevato questione di legittimità costituzionale del detto art. 34, comma 4, del d.lgs. n. 368 del 1999, in riferimento all’art. 76 della Costituzione, in relazione alla legge delega 24 aprile 1998, n. 128 (Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee. Legge comunitaria 1995-1997), nonché in riferimento agli artt. 3, 34 e 35 della Costituzione.
L’autorità remittente premette, in ordine alla rilevanza, che i provvedimenti impugnati costituiscono puntuale e corretta applicazione della norma denunciata e che, non avendo l’esclusione della ricorrente dal concorso altra giustificazione che il divieto posto dalla citata disposizione, qualora quest’ultima fosse dichiarata costituzionalmente illegittima, ne conseguirebbe necessariamente l’ammissione al concorso.
Quanto alla non manifesta infondatezza, la norma denunciata, secondo la quale “l’accesso alla formazione specialistica [dei laureati in medicina e chirurgia] non è consentita [recte: consentito] ai titolari di specializzazione conseguita ai sensi del [precedente] articolo 20 o di diploma di formazione specifica in medicina generale”, ponendo un divieto a priori, avrebbe, a giudizio del remittente, come effetto pratico non solo di inibire ai suoi destinatari nuove conoscenze scientifiche e il relativo nuovo titolo accademico, ma anche di precludere, di fatto se non di diritto, la libertà di mutare il campo dell’esercizio professionale, non avendo un medico, pur laureato ed abilitato, alcuna chance di inserirsi in un settore professionale per il quale non sia specializzato. Né il medico specializzato che non possa o non voglia intraprendere o proseguire l’attività professionale nel settore corrispondente può proporsi come medico di base nel servizio sanitario nazionale, atteso che tale attività è riservata a chi è in possesso dell’apposito diploma di formazione, equiparato dalla norma impugnata, ai fini del divieto di cumulo, ad una specializzazione.

L’effetto dell’art. 34, comma 4, è dunque, ad avviso del giudice a quo, di rendere irrevocabile, a vita, la prima scelta professionale compiuta dal giovane medico.

Nella norma viene anzitutto ravvisata violazione dell’art. 76 della
Costituzione. L’oggetto ed i relativi criteri della delega, contenuta nella
legge 24 aprile 1998, n. 128, recante disposizioni per l’adempimento di obblighi
derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee, sono infatti
precisati dal legislatore mediante il riferimento alla direttiva 93/16 e
successive modificazioni: ma né la direttiva, né la stessa legge di delega
toccano il tema dell’eventuale cumulo di specializzazioni. Escluso che possa
trattarsi di semplice esplicitazione di un principio comunque insito nel sistema
delle direttive comunitarie, o che si tratti di norma “tecnica” di dettaglio
necessaria per assicurare l’integrità e la funzionalità dell’ordinamento, l’art.
34, comma 4, del decreto legislativo sarebbe evidentemente frutto di una scelta
pienamente autonoma del legislatore delegato. Ma se è vero che nel silenzio
delle direttive comunitarie il legislatore nazionale avrebbe avuto, in via di
principio, la facoltà di dettare autonomamente ulteriori e più restrittivi
criteri per l’ammissione alle scuole, tale potere – incidente in modo così
pesante sulle libertà individuali – sarebbe spettato, semmai, al legislatore
ordinario, e non al legislatore delegato, in mancanza di espressa delega.
In secondo luogo, secondo il giudice a quo, la norma inciderebbe sul diritto
allo studio, inteso come diritto di accedere, secondo le proprie libere scelte,
ad un determinato corso di studi, e sul diritto al lavoro, inteso come diritto a
svolgere, di nuovo secondo le proprie libere scelte, una determinata attività
professionale, in violazione, rispettivamente, degli artt. 34 e 35 della
Costituzione.
Infine, verrebbe in rilievo il principio di eguaglianza, sancito dall’art. 3
Cost., perché la disposizione impugnata introduce una discriminazione fra i
laureati in medicina, a svantaggio di chi, fra di essi, possieda un diploma di
specializzazione. E’ pur vero, osserva l’autorità remittente, che tanto il
diritto allo studio che quello al lavoro non sono garantiti in modo assoluto e
incondizionato, come è stato affermato nella sentenza di questa Corte n. 383 del
1998, in tema di limitazione degli accessi a determinate facoltà universitarie e
scuole di specializzazione; tali limitazioni debbono però essere ragionevoli. E
mentre, nella materia in esame, è ragionevole una selezione basata su idoneità e
merito, non altrettanto potrebbe dirsi della discriminazione dei candidati
esclusivamente a motivo del possesso di una diversa specializzazione, titolo che
dovrebbe semmai essere valutato come merito.
Neppure, ad avviso del remittente, il divieto potrebbe rinvenire la sua ratio
nella finalità di prevenire “l’accaparramento” delle specializzazioni, in quanto
una buona efficacia dissuasiva, in tal senso, avrebbe la previsione dell’impegno
a tempo pieno, per tutta la durata dei corsi, con trattamento economico
sicuramente deteriore rispetto a quello di cui godrebbe il medico già
specializzato se mettesse a frutto la propria specializzazione. Ciò
circoscriverebbe ad una ristretta minoranza di specializzati, seriamente
motivati, il novero di coloro che scelgono di concorrere per una seconda
specializzazione.
Né, in conclusione, la disposizione sembrerebbe diretta a prevenire lo spreco di
risorse pubbliche determinato ogni volta che taluno, acquisita a spese della
collettività una specializzazione, non la utilizzi, per dedicarsi invece ad un
nuovo e diverso corso di specializzazione. L’argomento, apparentemente
suggestivo, porterebbe, però, per coerenza, ad obbligare chiunque abbia
conseguito, mediante il sistema pubblico di istruzione, un titolo di studio, a
metterlo a frutto esercitando la relativa attività professionale, cosa
manifestamente impossibile sul piano pratico e su quello giuridico.
2. – Si è costituita in giudizio la ricorrente nel giudizio a quo, che,
condividendo nella sostanza gli argomenti svolti nell’ordinanza di rimessione,
ha chiesto che la questione sia accolta.
La parte sottolinea, in particolare, come il divieto censurato non favorisca
l’interdisciplinarità, di particolare importanza proprio nell’ambito
medico-chirurgico, settore in cui la ricerca scientifica e le tecniche
terapeutiche hanno fatto progressi continui e costanti, proprio grazie allo
stretto collegamento fra ambiti specialistici affini o complementari. Al
contrario, la preparazione interdisciplinare dovrebbe essere incentivata,
costituendo espressione di un principio superiore di rango costituzionale, ove
si consideri che è interesse della Repubblica garantire l’“elevazione
professionale dei lavoratori” (art. 35 Cost.). Le limitazioni al diritto allo
studio così introdotte non risponderebbero al criterio della ragionevolezza.
Gravemente discriminatoria, poi, ad avviso della parte, apparirebbe la
disposizione del comma 4 del successivo art. 35 del d.lgs. n. 368 del 1999, che,
in deroga al divieto introdotto, consentirebbe ai medici specializzati
dipendenti del servizio sanitario nazionale ed ai sanitari provenienti da altri
paesi dell’Unione europea di conseguire, nella misura del 10% dei posti
disponibili nelle scuole, altro titolo di specializzazione.
Ciò dimostrerebbe che l’unica finalità perseguita dalla disposizione impugnata è
di non permettere allo stesso soggetto di usufruire surrettiziamente di un
trattamento economico destinato a sostituire un trattamento stipendiale proprio
del rapporto di lavoro dipendente: esigenza questa comprensibile, ma che
potrebbe essere ben salvaguardata indipendentemente da un siffatto divieto
assoluto.
Viene poi richiamata la sentenza n. 383 del 1998 di questa Corte, resa in tema
di “numero chiuso” delle iscrizioni a determinate facoltà universitarie, che con
riguardo al diritto allo studio, garantito dagli artt. 33 e 34 Cost., ha
affermato che l’intera materia, stante la sua delicatezza, non può essere
regolata che da fonti di rango primario, costituendo principio generale
informatore dell’ordinamento democratico quello secondo il quale “ogni specie di
limite imposto ai diritti dei cittadini abbisogna del consenso dell’organo che
trae da costoro la propria diretta investitura”, e che “la conclusione che ne
deriva è che i criteri di accesso all’università, e dunque anche la previsione
del numerus clausus, non possono legittimamente risalire ad altre fonti, diverse
da quella legislativa”. Sarebbe di tutta evidenza il richiamo costante al
principio della riserva di legge che informa l’intera disciplina dell’accesso ai
corsi di istruzione universitaria, tra i quali devono necessariamente
ricomprendersi anche le scuole di specializzazione riservate ai titolari di
diploma di laurea in medicina e chirurgia.
Ogni specifica limitazione in materia di accesso ai corsi di studio, quindi, non
potrebbe che essere posta dalla legge, che deve contenere le linee essenziali
attraverso cui viene assicurato e garantito il diritto allo studio del medico
che intende ottenere il diploma di specializzazione. Ancora, tra aspiranti
all’iscrizione ad un corso di laurea e laureati in medicina che intendano
approfondire le proprie conoscenze ad un livello superiore non sarebbe
ammissibile alcun tipo di differenziazione in ordine alla fonte normativa in
grado di disciplinarne diritti e obblighi.
La limitazione posta dalla norma impugnata, prosegue la difesa della parte,
incide direttamente (viene richiamata in proposito la sentenza n. 4 del 1962,
citata dalla menzionata sentenza n. 383 del 1998) sul diritto di iniziativa
economica, tutelato dall’art. 41 Cost., collegato alla libertà riconosciuta
dagli artt. 2 e 4 Cost. ad ogni cittadino di scegliere la professione da
svolgere quale strumento per lo sviluppo della propria personalità.
Dalla preclusione in esame, poi, discenderebbe un’ulteriore disparità di
trattamento con riferimento a quanto stabilito dalle direttive comunitarie n.
98/21 e n. 93/16 – aventi ad oggetto la libera circolazione dei medici ed il
reciproco riconoscimento in ambito comunitario dei loro diplomi –, dal momento
che ai soli medici italiani in possesso di una specializzazione è inibita la
possibilità di essere ammessi ad un nuovo corso di studi attraverso il quale
perfezionare ed approfondire le necessarie conoscenze per meglio inserirsi nel
mercato del lavoro. Nel caso di specie, infatti, la ricorrente (specializzata in
radiologia) aspira a conseguire una specializzazione costituente la prosecuzione
logica, sul piano delle tecniche operatorie alle quali si sta già dedicando
presso una struttura specializzata in oncologia, di studi già compiuti in
precedenza, allo scopo di acquisire una professionalità nuova, a carattere
interdisciplinare, richiesta per lo svolgimento dell’attività chirurgica in
materia oncologica.
Il mantenimento del divieto censurato, in conclusione, oltre che comprimere la
situazione soggettiva della ricorrente, comporterebbe un impoverimento delle
stesse strutture sanitarie, le quali potrebbero contare su professionisti che
hanno conseguito una sola specializzazione, con dispendio di risorse laddove si
rende necessario l’impiego di professionalità a carattere interdisciplinare.
3. – E’ intervenuto il Presidente del Consiglio dei ministri, che ha chiesto che
la questione sia dichiarata infondata.
La difesa erariale osserva che l’iscrizione alle scuole di specializzazione in
medicina e chirurgia avviene, a norma dell’art. 37, comma 1, dello stesso d.lgs.
n. 368 del 1999, contestualmente alla stipulazione di un contratto annuale di
formazione e lavoro, che prevede, come contropartita di una attività a tempo
pieno, un compenso in danaro in sostituzione della tradizionale borsa di studio.
Poiché l’aspetto economico del rapporto contrattuale è inscindibile
dall’iscrizione, il denunciato art. 34 del decreto, inibendo l’accesso alla
scuola a coloro che sono già titolari di specializzazione medica, non farebbe
che ribadire un principio già espresso con precedenti disposizioni di legge a
proposito del cumulo tra borse o assegni di studio: quello del necessario limite
che il legislatore deve tenere presente nell’intento di consentire ai
meritevoli, ma privi di mezzi, il proseguimento degli studi, il che si risolve
in definitiva nella razionale distribuzione delle risorse disponibili.
La tutela di tale interesse di rilievo costituzionale non potrebbe dunque
conciliarsi con un accesso indiscriminato alle scuole.
4. – Nel corso di analogo giudizio promosso da altro medico, specializzato in
medicina nucleare, per l’ammissione al concorso per la specializzazione in
radiodiagnostica, indetto dalla medesima Università di Perugia, il Tribunale
amministrativo regionale dell’Umbria, con ordinanza (reg. ord. n. 952 del 2001)
emessa il 26 settembre e pervenuta il 1° dicembre 2001, dello stesso tenore di
quella di cui supra, al n. 1, ha sollevato la medesima questione di legittimità
costituzionale.
5. – Anche in tale giudizio è intervenuto il Presidente del Consiglio dei
ministri, con memoria di tenore testuale identico a quello dell’atto depositato
nel giudizio rubricato con il n. 880 del 2001 del reg. ord., concludendo per
l’infondatezza della questione.
6. – In prossimità dell’udienza ha depositato memoria la parte già costituita
nel giudizio incidentale reg. ord. n. 880 del 2001, insistendo nelle conclusioni
rassegnate.
Illustrando nuovamente gli argomenti svolti nel primo atto difensivo, la parte
in particolare osserva, in ordine alla violazione dell’art. 76 Cost., che
l’indagine sull’eccesso di delega va compiuta, da un lato, interpretando le
norme che determinano i principi e criteri direttivi tenendo conto del
complessivo contesto normativo e delle finalità che ispirano la delega;
dall’altro, interpretando le disposizioni emanate in attuazione della delega,
leggendole nel significato compatibile con i principi della stessa delega. La
direttiva di cui si dispone il recepimento ha come oggetto l’agevolazione della
circolazione dei medici all’interno della Comunità europea e la libera
prestazione dei servizi di medico, nonché il reciproco riconoscimento, in ambito
comunitario, dei certificati e degli altri titoli inerenti alla formazione
specialistica, e non disporrebbe nulla di più, non prevedendo alcun limite nel
senso introdotto dal legislatore delegato in ordine all’acquisizione di più
specializzazioni. Analogamente, neppure nella legge delega sarebbe rinvenibile
alcuna indicazione in tal senso, che neanche potrebbe essere implicitamente
desunta dalla ratio sottesa alla legge, o alla direttiva, ovvero dal relativo
contesto normativo.
Quanto all’incidenza del divieto sulla formazione professionale, la parte rileva
come, in conseguenza dello sviluppo della ricerca, vengono continuamente
istituite nuove scuole di specializzazione, che spesso costituiscono evoluzione
sempre più specifica di una più “generica” specializzazione. Chi ha conseguito
la più generica specializzazione in un’epoca in cui non esisteva quella più
specifica si vede inibita la possibilità di acquisire una professionalità
specifica, richiesta dalla stessa evoluzione scientifica.
Correlativamente, i vecchi specializzati nella branca “generica” si vedrebbero
penalizzati rispetto ai nuovi specializzati, in possesso di un titolo più
specifico, ancorché provvisti di minore esperienza.
Replicando a quanto dedotto dall’Avvocatura dello Stato, la difesa della parte
privata osserva che la disciplina della retribuzione di coloro che frequentano i
corsi di specializzazione non ha alcuna rilevanza al fine della soluzione della
questione in esame, che attiene al diritto allo studio.
7. – Ha altresì depositato memoria illustrativa, nel primo dei due giudizi
incidentali (reg. ord. n. 880 del 2001), il Presidente del Consiglio dei
ministri, rilevando che il divieto di conseguire più specializzazioni è
finalizzato ad assicurare a tutti i cittadini la possibilità di accedere al
mondo del lavoro, condizionata al possesso di una specializzazione o di un
diploma di medicina generale; esso tende ad evitare che, nel regime del numero
chiuso per le scuole di specializzazione, vi siano, come nel passato
ordinamento, da una parte professionisti privilegiati ai fini lavorativi in
quanto plurispecializzati, e dall’altra semplici laureati in medicina e
chirurgia immancabilmente penalizzati ai fini dell’inserimento nel mondo del
lavoro.
La considerazione secondo cui il divieto in esame vincola irrevocabilmente il
giovane medico alla prima scelta professionale non sarebbe priva di pregio.
Tuttavia, il legislatore avrebbe ritenuto preminente, nella generale valutazione
degli interessi dei cittadini, quello di assicurare un posto di lavoro a tutti,
a fronte di quello di chi ritiene di aver diritto a più opzioni lavorative.
Sotto questo profilo, non sarebbe ravvisabile violazione degli artt. 3, 33 e 34
Cost., perché, anzi, proprio la mancata introduzione del divieto potrebbe
configurare violazione delle norme costituzionali in tema di diritto di tutti i
cittadini al lavoro.
Neppure sussisterebbe violazione del diritto allo studio, in quanto la tutela
costituzionale riguarderebbe l’istruzione inferiore, nonché la possibilità che
lo Stato offre ai più meritevoli di raggiungere i gradi più alti degli studi.
In ordine all’eccesso di delega, non occorrerebbe verificare se la norma
denunciata ha fondamento nella legislazione comunitaria, in quanto il divieto in
esame rientrerebbe nelle valutazioni socio-economiche del legislatore di ciascun
paese membro.
La memoria richiama l’art. 2, lettera b, della legge di delega n. 128 del 1998,
il quale prevede che “per evitare disarmonia con le discipline vigenti per i
singoli settori interessati alla normativa da attuare, saranno introdotte le
occorrenti modifiche o integrazioni alle discipline stesse”. Con tale
disposizione, rileva la difesa erariale, il legislatore delegato è stato
invitato a introdurre norme che rendessero il decreto conforme alle discipline
vigenti  per i singoli settori interessati. In tale contesto, sarebbe
fondamentale il riferimento all’art. 6 della legge n. 398 del 30 novembre 1989
(Norme in materia di borse di studio universitarie), il quale, al primo comma,
sancisce che “le borse di studio di cui alla presente legge non possono essere
cumulate con altre borse di studio a qualsiasi titolo conferite, tranne che con
quelle concesse da istituzioni nazionali o straniere utili ad integrare, con
soggiorni all’estero, l’attività di formazione o di ricerca dei borsisti”, ed al
secondo comma aggiunge che “chi ha già usufruito di una borsa di studio non può
usufruirne una seconda volta allo stesso titolo”.
8. – Il Presidente del Consiglio dei ministri ha depositato identica memoria
illustrativa in relazione al giudizio rubricato con il n. 952 del reg. ord.
2001.
Considerato in diritto
1.¾ Il Tribunale amministrativo regionale per l’Umbria, con due ordinanze di
identico contenuto, dubita della legittimità costituzionale dell’articolo 34,
comma 4, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368 (Attuazione della
direttiva 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco
riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli e delle direttive
97/50/CE, 98/21/CE, 98/63/CE e 99/46/CE che modificano la direttiva 93/16/CEE),
il quale, nell’ambito della disciplina della formazione dei medici specialisti,
e in particolare dell’ammissione alle scuole universitarie di specializzazione
in medicina e chirurgia, stabilisce che “l’accesso alla formazione specialistica
non è consentita [recte: consentito] ai titolari di specializzazione conseguita
ai sensi dell’articolo 20 o di diploma di formazione specifica in medicina
generale”. L’art. 20 disciplina i requisiti e la durata minima della formazione
che permette di ottenere un diploma di medico chirurgo specialista nelle
specializzazioni indicate negli allegati B e C del decreto legislativo; a sua
volta l’art. 21 prevede che per l’esercizio dell’attività di medico chirurgo di
medicina generale nell’ambito del Servizio sanitario nazionale è necessario il
possesso del diploma di formazione specifica in medicina generale, che si
consegue (art. 24) a seguito di un corso di formazione specifica della durata di
due anni ed è riservato “ai laureati in medicina e chirurgia, abilitati
all’esercizio professionale e non ai possessori di diploma di specializzazione
di cui all’articolo 20, o di diploma in formazione specifica in medicina
generale o di dottorato di ricerca”.
Secondo il remittente, la disposizione impugnata contrasterebbe con l’art. 76
della Costituzione, in quanto, in sede di legislazione delegata, avrebbe
introdotto un nuovo più restrittivo criterio di ammissione alle scuole di
specialità, in mancanza di una espressa delega, che sarebbe stata necessaria nel
silenzio, in proposito, delle direttive comunitarie, non trattandosi di una
norma tecnico-organizzativa necessaria per assicurare l’integrità e la
funzionalità della disciplina, bensì di una regola incidente sulla libertà
individuale; con l’art. 34 della Costituzione, in quanto introdurrebbe una
limitazione irragionevole al diritto allo studio, inteso come diritto di
accedere, secondo le proprie libere scelte, e sulla base della capacità e del
merito, ad un determinato corso di studi; con l’art. 35 della Costituzione, in
quanto, impedendo il conseguimento di una seconda specializzazione, renderebbe
irrevocabile, a vita, la prima scelta professionale fatta dal giovane medico,
così introducendo una limitazione irragionevole al diritto al lavoro, inteso
come diritto di svolgere, secondo le proprie libere scelte, una determinata
attività professionale; con l’art. 3 della Costituzione, in quanto darebbe vita
ad una discriminazione irragionevole fra i laureati in medicina, a svantaggio di
chi già possiede un diploma di specializzazione.
2.¾ Le due ordinanze sollevano la medesima questione, onde i due giudizi possono
essere riuniti per essere decisi con unica pronunzia.
3.¾ La questione è fondata, sotto il profilo della violazione del diritto di
accedere ad un corso di studi e conseguentemente di intraprendere un’attività
professionale di propria scelta.
Non viene in questione qui, come avverte lo stesso remittente, la legittimità
della limitazione numerica degli accessi alle scuole di specializzazione medica,
risultante dall’art. 35 del decreto legislativo in esame (e dall’art. 25, per
quanto riguarda i corsi di formazione specifica in medicina generale):
limitazione prevista non da oggi dalla legislazione, e correlata anche alla
disciplina comunitaria che richiede la disponibilità di strutture e risorse per
adeguare la formazione agli standard minimi imposti, comportanti attività
cliniche o, in genere, operative svolte nel corso dei periodi di formazione
(cfr. sentenza n. 383 del 1998).
Si discute qui unicamente della legittimità costituzionale del divieto imposto,
a chi sia già in possesso di un diploma di specializzazione o di formazione
specifica in medicina generale, di accedere alla formazione in vista del
conseguimento di una ulteriore specializzazione. In sostanza il legislatore
delegato, nel dettare la nuova disciplina delle scuole di specializzazione
medica nonché dei corsi di formazione specifica in medicina generale, ha inteso
stabilire un rigido criterio di non cumulabilità in capo allo stesso medico di
due o più di tali curricula formativi. Il medico in possesso di un diploma di
specializzazione non può accedere ad altra specialità, né ai corsi di formazione
specifica in medicina generale (in tal senso è da intendersi la non felice
formula, sopra citata, dell’art. 24, comma 1, del d.lgs. n. 368 del 1999); a sua
volta il medico in possesso del diploma di formazione specifica in medicina
generale non può accedere alle specializzazioni.
Il divieto appare dettato nell’intento di evitare che lo stesso medico possa,
cumulando più diplomi di specializzazione (e, forse, usufruendo del vantaggio
che gli proviene dal possedere già una specializzazione), “accaparrarsi” più di
uno spazio di formazione nell’ambito e a spese delle strutture a ciò deputate, a
danno di altri aspiranti, il cui diritto a perseguire, a loro volta, una chance
di inserimento professionale potrebbe esserne pregiudicato.
Tale intento non è privo di una sua ragionevolezza, in quanto miri a tutelare
gli interessi di chi non abbia ancora avuto accesso ad una formazione medica
specialistica, e a rendere razionale l’impiego delle risorse pubbliche. Da
questo punto di vista, non apparirebbe in sé irragionevole che il legislatore,
ad esempio, riservasse quote dei posti disponibili ai medici non ancora in
possesso di specializzazione, o prevedesse quote di posti cui ammettere in
soprannumero candidati che siano già in possesso di altra specializzazione (sul
modello di quanto già prevedono rispettivamente, in relazione ad altre categorie
di aspiranti, i commi 3 e 4 dell’art. 35 dello stesso decreto legislativo); o
dettasse modalità specifiche, diverse da quelle previste per i non specialisti,
per la disciplina della posizione anche economica degli aspiranti che già
operino nell’esercizio di altra specializzazione.
Ma la questione è se sia legittimo, sia pure in vista di siffatte finalità,
precludere totalmente a chi abbia già conseguito un diploma di specializzazione
l’accesso ad un nuovo curriculum formativo e ad un nuovo titolo di
specializzazione, che a sua volta costituisce condizione imprescindibile per lo
svolgimento di una specifica attività professionale medica. Non è infatti
irrilevante ricordare, a tal proposito, che la disciplina vigente dell’accesso
alle funzioni di dirigente medico nelle strutture del servizio sanitario
nazionale prevede, tra i requisiti indispensabili, il possesso del diploma di
specializzazione specificamente inerente all’attività svolta dalla struttura in
cui il medico intende operare (artt. 24 e 28 del d.P.R. 10 dicembre 1997, n.
483; art. 5 del d.P.R. 10 dicembre 1997, n. 484); così come per l’esercizio
dell’attività di medico di medicina generale nell’ambito del servizio sanitario
nazionale è necessario il possesso del diploma di formazione specifica in
medicina generale (art. 21 del d.lgs. n. 368 del 1999).
4.¾ Sotto questo riguardo, un divieto di tale assolutezza e rigidità non può
ritenersi compatibile con i principi costituzionali.
Il diritto allo studio comporta non solo il diritto di tutti di accedere
gratuitamente alla istruzione inferiore, ma altresì quello – in un sistema in
cui “la scuola è aperta a tutti” (art. 34, primo comma, della Costituzione) – di
accedere, in base alle proprie capacità e ai propri meriti, ai “gradi più alti
degli studi” (art. 34, terzo comma): espressione, quest’ultima, in cui deve
ritenersi incluso ogni livello e ogni ambito di formazione previsti
dall’ordinamento. Il legislatore, se può regolare l’accesso agli studi, anche
orientandolo e variamente incentivandolo o limitandolo in relazione a requisiti
di capacità e di merito, sempre in condizioni di eguaglianza, e anche in vista di obiettivi di utilità sociale, non può, invece, puramente e semplicemente impedire tale accesso sulla base di situazioni degli aspiranti che – come il possesso di precedenti titoli di studio o professionali – non siano in alcun modo riconducibili a requisiti negativi di capacità o di merito.
A tale diritto si ricollega altresì quello di aspirare a svolgere, sulla base del possesso di requisiti di idoneità, qualsiasi lavoro o professione, in un sistema che non solo assicuri la “tutela del lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni” (art. 35, primo comma, della Costituzione), ma consenta a tutti i cittadini di svolgere, appunto “secondo le proprie possibilità e la propria scelta”, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società (art. 4, secondo comma, della Costituzione): ciò che a sua volta comporta, quando l’accesso alla professione sia condizionato al superamento di un curriculum formativo, il diritto di accedere a quest’ultimo in condizioni di eguaglianza.
Il diritto di studiare, nelle strutture a ciò deputate, al fine di acquisire o di arricchire competenze anche in funzione di una mobilità sociale e professionale, è d’altra parte strumento essenziale perché sia assicurata a ciascuno, in una società aperta, la possibilità di sviluppare la propria personalità, secondo i principi espressi negli artt. 2, 3 e 4 della Costituzione.
5.¾ Resta assorbito ogni altro profilo di censura prospettato dal remittente. In particolare, il riconoscimento della incompatibilità sostanziale della norma impugnata con gli articoli 34 e 35 della Costituzione esime questa Corte dall’esaminare il profilo di censura relativo al denunciato eccesso di delega.
6.¾ L’accertamento della illegittimità del divieto, per chi sia già in possesso di altro diploma di specializzazione o di formazione specifica in medicina generale, di accedere ad una nuova specializzazione, comporta altresì come conseguenza l’estensione della dichiarazione di incostituzionalità, ai sensi dell’art. 27, secondo periodo, della legge 11 marzo 1953, n. 87, alla norma – avente portata e ratio corrispondenti, e perciò affetta dallo stesso vizio – che, parallelamente, dispone il divieto di accedere al corso di formazione specifica in medicina generale per chi sia in possesso di diploma di specializzazione o di dottorato di ricerca (art. 24, comma 1, dello stesso decreto legislativo n. 368 del 1999).

per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE
riuniti i giudizi,
a) dichiara l’illegittimità costituzionale dell’articolo 34, comma 4, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368 (Attuazione della direttiva 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli e delle direttive 97/50/CE, 98/21/CE, 98/63/CE e 99/46/CE che modificano la direttiva 93/16/CEE);
b) dichiara, ai sensi dell’art. 27, secondo periodo, della legge 11 marzo 1953, n. 87, l’illegittimità costituzionale dell’articolo 24, comma 1, del medesimo d.lgs. n. 368 del 1999, nella parte in cui esclude dall’accesso al corso di formazione specifica in medicina generale i possessori di diploma di specializzazione di cui all’articolo 20 del medesimo decreto, o di dottorato di ricerca.

Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della
Consulta, il 22 maggio 2002.
F.to:
Cesare RUPERTO, Presidente
Valerio ONIDA, Redattore
Giuseppe DI PAOLA, Cancelliere
Depositata in Cancelleria il 29 maggio 2002.
Il Direttore della Cancelleria
F.to: DI PAOLA        

Stampa Email

Concorsi - Offerte di lavoro

Concorso, per esame, a trecento posti di notaio

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - CONCORSO (scad. 9 gennaio 2020) Concorso, per esame, a trecento posti di notaio (GU n.97 del 10-12-2019)

Concorso centoventi posti di commissario della carriera dei funzionari della Polizia di Stato

MINISTERO DELL'INTERNO CONCORSO (scad. 2 gennaio 2020) Concorso pubblico, per titoli ed esami, per il conferimento di centoventi posti di commissario della carriera dei funzionari della Polizia di Stato. (GU n.95 del 03-12-2019)

Concorso pubblico, per titoli ed esami, a duecento posti per l'accesso alla qualifica iniziale della carriera prefettizia

MINISTERO DELL'INTERNO -CONCORSO (scad. 19 dicembre 2019)  Concorso pubblico, per titoli ed esami, a duecento posti per l'accesso alla qualifica iniziale della carriera prefettizia (GU n.91 del 19-11-2019)

Concorso, per esami, a 310 posti di magistrato ordinario

Decreto 29 ottobre 2019 - Concorso, per esami, a 310 posti di magistrato ordinario 29 ottobre 2019 (pubblicato nella G.U. n. 91 del 19 novembre 2019 – 4a serie speciale – concorsi ed esami)

-----

Attualità - News - Commenti

compenso congruo ed equo, ovvero proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto Tar Marche n. 00524 del 09/12/2019

compenso congruo ed equo: - le pubbliche amministrazioni, nell’affidamento dei servizi di opera professionale (qual è quello in questione), sono tenute a corrispondere un compenso congruo ed equo, ovvero proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, nonché al contenuto e alle caratteristiche della prestazione;- al fine di accertare l’equità del compenso, occorre far riferimento ai parametri stabiliti dai singoli decreti ministeriali per ciascuna categoria di professionisti;- detti parametri non possono essere considerati alla stregua di minimi tariffari inderogabili (pena la surrettizia introduzione di tariffe obbligatorie fisse o minime per le attività professionali e intellettuali, abolite dal cosiddetto “decreto Bersani”), ma costituiscono un criterio orientativo per la determinazione del compenso; in altri termini, non è esclusa, in via di principio, la possibilità che le parti pattuiscano liberamente il compenso anche in deroga ai parametri di liquidazione indicati nei citati decreti ministeriali (in particolare, art. 1, comma 7, del DM n. 140 del 2012); Tar Marche n. 00524 del 09/12/2019

illegittimita' costituzionale dell'art. 7, comma 1, terzo periodo, della legge 27 gennaio 2012, n. 3

Corte Costituzionale SENTENZA n. 245 del 22 ottobre - 29 novembre 2019 - Giudizio di legittimita' costituzionale in via incidentale. Fallimento e procedure concorsuali - Procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento del debitore non fallibile - Proposta di accordo di ristrutturazione dei debiti e relativo piano - Divieto di falcidia dei debiti inerenti all'IVA - Irragionevole diversita' di disciplina rispetto al concordato preventivo e agli accordi di ristrutturazione di cui all'art. 182-bis della legge fallimentare - Illegittimita' costituzionale parziale. - Legge 27 gennaio 2012, n. 3, art. 7, comma 1, terzo periodo. - Costituzione, artt. 3 e 97. (T-190245) (GU 1a Serie Speciale - Corte Costituzionale n.49 del 4-12-2019)

Condominio – Terrazzo di proprietà esclusiva - opere su proprietà esclusiva –- corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 31412 del 02 dicembre 2019 -  commento

Terrazzo di proprietà esclusiva – ampliamento – rispetto delle distanze legali - corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 31412 del 02 dicembre 2019 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

Avvocato - Difesa in giudizio da parte dell’Avvocatura dello Stato o di avvocati del libero foro

Agenzia delle Entrate-Riscossione – Difesa in giudizio da parte dell’Avvocatura dello Stato o di avvocati del libero foro – Presupposti. Corte di Cassazione, Sentenza n. 30008 del 19/11/2019

-Scuola forense foroeuropeo - menu

esame avvocato 2019 - prove scritte

le prove scritte 10, 11 e 12 dicembre 2019

VIII Corso ANNUALE FRONTALE a ROMA esame avvocato 2020

VIII CORSO ANNUALE FRONTALE 2020 a ROMA - preparazione esame Avvocato 2020 - SCUOLA FORENSE FOROEUROPEO - Febbraio/Giugno 2020

Eventi 2019 della SCUOLA FORENSE FOROEUROPEO

Gli eventi della scuola forense foroeuropeo relativi al VII corso esame avvocaro 2019: Festa al Piper - Ultimo giorno del corso 2019

Foro/Domicilio di appartenenza dei corsisti Corsi esame avvocati 2019

Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione - Foroeuropeo corsisti_foroForo di appartenenza dei corsisti del VII Corso esame avvocato 2019 della scuola forense foroeuropeo

Convegni, Seminari, Corsi, Eventi, ..

13 dicembre 2019 - Corso di preparazione sulle strategie difensive in materia di privacy

Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione - Foroeuropeo foro10Venerdì 13 Dicembre 2019 h.10-18 Le strategie difensive in materia di privacy. Come assistere i clienti durante i controlli e le ispezioni e come difenderli in caso di contenzioso. I profili deontologici.  RELATORI Avv. Domenico Condello, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma dal 1996 al 2017 - Avv. Giovanni Guerra, Avvocato del Foro di Roma - Esperto in Diritto della protezione dei dati personali- Avv. Paolo Ricchiuto Avvocato del Foro di Roma Esperto in Diritto della protezione dei dati personali - - Sede - aula formazione foroeuropeo Roma, Via Cardinal de Luca 1 (300 metri da Piazzale Flaminio). Accreditato dal COA  Roma; 5 crediti formativi  ordinari e 2 crediti di deontologia

Massime corte di cassazione

Frazionamento di unità immobiliare originariamente unica – Cass. Ord. 15109/2019

Comunione dei diritti reali - condominio negli edifici (nozione, distinzioni) - uso della proprietà esclusiva - Frazionamento di unità immobiliare originariamente unica - Incidenza sulle tabelle millesimali - Esclusione - Conseguenze.

Ll'adempimento del terzo anche contro la volontà del creditore – Cass. Ord. 15111/2019

Obbligazioni in genere - adempimento - del terzo - Adempimento del terzo anche mediante assegno bancario o "inscio vel invito" debitore - Ammissibilità - Volontà contraria del creditore - titoli di credito - assegno bancario - pagamento in genere.

Procedimento di nomina di amministratore di sostegno - Cass. Sent. 15175/2019

Procedimento civile - difensori - gratuito patrocinio -Procedimento di nomina di amministratore di sostegno - Assistenza tecnica facoltativa - Patrocinio a spese dello Stato - Ammissibilità - Fondamento.

Assegnazione di bene non comodamente divisibile nelle porzioni di più coeredi - Cass. Sent. 15182/2019

Divisione - divisione ereditaria- Comunione ereditaria - Scioglimento - Persistenza di comunione ordinaria - Compatibilità - Conseguenze - Assegnazione di bene non comodamente divisibile nelle porzioni di più coeredi - Ammissibilità.

Azione di rendiconto divisione ereditaria - Cass. Sent. 15182/2019

Divisione - divisione ereditaria - Azione di rendiconto - Autonomia rispetto alla domanda di scioglimento della comunione - Conseguenze.

Diritti di abitazione e d'uso riservati al coniuge superstite - Cass. Ord. 15277/2019

Successioni "mortis causa" - successione necessaria - diritti riservati ai legittimari - misura della quota di riserva - coniuge - diritto di abitazione e di uso sui mobili Diritti di abitazione ed uso ex art. 540, comma 2, c.c. - Spettanza al coniuge separato senza addebito - Esclusione - Fondamento.

Giudice chiamato a conoscere della stessa causa in altro grado del processo – Cass. Ord. 15268/2019

Procedimento civile - giudice - ricusazione e astensione - Giudice chiamato a conoscere della stessa causa in altro grado del processo - Ambito dell'obbligo di astensione - Conseguenze - Applicabilità a giudice che si sia pronunziato in precedente giudizio a carico della parte - Esclusione - Fattispecie.

Eredità devolute a minori o interdetti - Cass. Ord. 15267/2019

Successioni "mortis causa" - disposizioni generali - accettazione dell'eredità (pura e semplice) - con beneficio di inventario - casi obbligatori - eredità devolute a minori o interdetti - Mancata rinuncia all'eredità da parte del legale rappresentante del minore - Diritto del minore divenuto maggiorenne di rinunziare all'eredità - Esclusione - Fondamento.

Divisione di beni in comproprietà provenienti da titoli diversi – Cass. Sent. 15464/2019

Divisione - divisione giudiziale - Divisione di beni in comproprietà provenienti da titoli diversi - Scioglimento con un'unica divisione - Ammissibilità - Condizioni - Mancata opposizione - Conseguenze - Appellabilità della decisione.

Opposizione ex art 5-ter della l. n. 89 del 2001 - Cass. Ord. 15662/2019

Procedimento civile - Opposizione ex art 5-ter della l. n. 89 del 2001 - Iscrizione a ruolo telematica nel fascicolo della fase monitoria - Mera irregolarità - Fondamento. - iscrizione a ruolo.

ELENCO Convegni in Videoconferenza accreditati CNF

convegni in videoconferenza di gruppo accreditati dal consiglio nazionale forense

Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione - Foroeuropeo cameramen_2CONVEGNI IN VIDEOCONFERENZA DI GRUPPO ACCREDITATI DAL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

Struttura del pacchetto:

  • Durata: 12 mesi dall'acquisto del pacchetto
  • Partecipanti: da tre a 20 avvocati/praticanti dalla stessa sede
  • Eventi minimo programmati: due al mese (escluso agosto)
  • Crediti formativi: minimo 40 (Ordinari e deontologici)
  • Costo intero pacchetto € 150 + Iva - 12 mesi, per tutto il gruppo (da tre a 20) che segue la videoconferenza dallo stesso studio 

L'aggiornamento professionale direttamente sul monitor del pc o su smart tv dello studio legale accreditato con i convegni in videoconferenza di gruppo di foroeuropeo. I prossimi convegni in videoconferenza, il costo, . . leggi tutto 

 

13 Dicembre 2019 Convegno in videoconferenza di gruppo

Venerdì 13 Dicembre 2019 h.10-18 Le strategie difensive in materia di privacy. Come assistere i clienti durante i controlli e le ispezioni e come difenderli in caso di contenzioso. I profili deontologici.  Relatori: Avv. Domenico Condello, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma dal 1996 al 2017 - Avv. Giovanni Guerra, Avvocato del Foro di Roma - Esperto in Diritto della protezione dei dati personali- Avv. Paolo Ricchiuto Avvocato del Foro di Roma Esperto in Diritto della protezione dei dati personali - Videoconferenza in fase di accreditamento dal C.N.F. – Richiesti sei crediti formativi  ordinari e due di deontologia

17 Dicembre 2019 Convegno in videoconferenza di gruppo

17 Dicembre 2019 h.13.30/16.30 Ordinamento professionale e Deontologia: focus sulla normativa (L. n.247/2012 e Codice Deontologico forense) e la giurisprudenza del CNF e della Corte di Cassazione. RELATORI  Avv.  Mario Scialla, Consigliere Segretario dell’Ordine degli Avvocati di Roma e Avv. Domenico Condello, Direttore Scientifico della Scuola Forense Foroeuropeo - Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma dal 1996 al 2017 – Convegno in videoconferenza in fase di accreditamento dal C.N.F. – due crediti formativi di deontologia 

28 Gennaio 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

28 Gennaio 2020 h.13.30/16.30 - La ripartizione delle spese condominiali”, (nullità ed annullabilità delle delibere relative; incidenza sull'opposizione a decreto ingiuntivo; deroghe convenzionali; esoneri totali; tabelle millesimali). Il conduttore nella locazione e nel condominio. Relatori Dott. Franco Petrolati, presidente della IV sezione della Corte d’Appello di Roma, Dott. Riccardo Redivo, Già Presidente di Sezione della Corte di Appello di Roma  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

4 Febbraio 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

4 Febbraio 2020 h.13.30/16.30 - in preparazione  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

25 Febbraio 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

25 Febbraio 2020 h.13.30/16.30 - Diritto Comunitario: come ricorrere alla Corte Europea dei Diritti dell’uomo. Le tecniche argomentative e di redazione del ricorso.  Le novità giurisprudenziali. Introduce Avv. Domenico Condello, già Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma - Direttore Scientifico rivista giuridica online Foroeuropeo Relatori Avv. Maurizio de Stefano, Avvocato del Foro di Roma - Patrocinante Corte Europea dei Diritti dell’Uomo Avv. Andrea Saccucci, Avvocato del Foro di Roma, Specialista nel contenzioso nazionale ed internazionale in materia di diritti umani - Professore di Diritto Internazionale – Seconda Università di Napoli  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

3 Marzo 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

3 Marzo 2020 h.13.30/16.30 - in preparazione  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

Amministratori condominio

Corso di aggiornamento online Amministratore condominio b

Corso di aggiornamento ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività professionale ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014. Agli avvocati  viene, inoltre, rilasciato un certificato con i crediti formativi riconosciuti dal Consiglio Nazionale Forense.

Avvocati C.N.F. Decisioni pareri circolari - Osservatorio forense

Favor rei: il nuovo codice deontologico si applica retroattivamente, se più favorevole all’incolpato

Favor rei: il nuovo codice deontologico si applica retroattivamente, se più favorevole all’incolpato. Corte di Cassazione (pres. Tirelli, rel. Scarano), SS.UU, sentenza n. 22714 del 11 settembre 2019

Il CNF è Giudice speciale che esercita funzioni giurisdizionali in conformità a Costituzione

Il CNF è Giudice speciale che esercita funzioni giurisdizionali in conformità a Costituzione - Corte di Cassazione (pres. Tirelli, rel. Scarano), SS.UU, sentenza n. 22714 del 11 settembre 2019

anticipazione del semestre di tirocinio forense nel corso degli studi universitari

Il COA di Isernia formula un quesito relativo alla possibilità di disporre l’anticipazione del semestre di tirocinio nel corso degli studi universitari, ove residui allo studente – prima della laurea – un periodo inferiore a sei mesi. Consiglio nazionale forense, parere del 12 luglio 2019, n. 28

il domicilio professionale di un avvocato non può essere unaa casella o una cassetta postale.

La Procura della Repubblica di Caltagirone – Sezione di polizia giudiziaria – Aliquota Carabinieri formula un quesito relativo alla corretta interpretazione dell’espressione “domicilio professionale”, in relazione al caso di avvocati stabiliti che – all’atto della domanda di iscrizione nell’Albo – abbiano indicato come domicilio professionale una casella o una cassetta postale.

eBook - manuali

Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se continui ad utilizzare questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

Uso dei cookie

Foroeuropeo.eu o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di Foroeuropeo.eu.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da Foroeuropeo.eu.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Foroeuropeo.eu userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.


Foroeuropeo.eu, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da Foroeuropeo.eu e che che quindi non risponde di questi siti.


Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito:

  • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni
  • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo)  dell’utente –  necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti
  • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi
  • _dc – di sessione – utilizzato per limitare le richieste di remarketing (non presente ad ora su Foroeuropeo.eu.com) che sono state fatte necessario al servizio di terze parti di Google Analytics. Dura 10 minuti
  • PHPSESSID  – di sessione – necessarioda WordPress per identificare la singola sessione di un utente.
  • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni
  • frm_form8_0398a1368566c8697942eb6f74ad02a5 – sessione – necessario per i referral del modulo di contatto

Cookie di terze parti:

  • Facebook:
    • act – sessione
    • c_user – persistente
    • csm – persistente
    • datr – persistente
    • fr – persistente
    • i_user – sessione
    • lu – persistente
    • p – sessione
    • presence – sessione
    • s – persistente
    • x-src – persistente
    • xs – persistente
    • datr – persistente
    • lu – persistente
  • Google +
    • AID – persistente
    • APISID – persistente
    • HSID – persistente
    • NID – persistente
    • OGP – persistente
    • OGPC – persistente
    • PREF – persistente
    • SAPISID – persistente
    • SID – persistente
    • SSID – persistente
    • TAID – persistente
    • OTZ – persistente
    • PREF – persistente
    • ACCOUNT_CHOOSER – persistente
    • GAPS – persistente
    • LSID – persistente
    • LSOSID – persistente
    • RMME – persistente
  • Twitter
    • __utma – persistente
    • __utmv – persistente
    • __utmz – persistente
    • auth_token – persistente
    • guest_id – persistente
    • pid – persistente
    • remember_checked – persistente
    • remember_checked_on – persistente
    • secure_session – persistente
    • twll – persistente
    • dnt – persistente
    • eu_cn – persistente
    • external_referer – persistente
  • Mozcast
    • __utma – persistente
    • __utmz – persistente

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome

  1. Eseguire il Browser Chrome
  2. Fare click sul menù Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione - Foroeuropeo chrome-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Impostazioni
  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  2. Fare click sul menù Libere Professioni - Medici - Abolito il divieto di cumulo di diploma di specializzazione - Foroeuropeo firefox-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Opzioni
  4. Seleziona il pannello Privacy
  5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer
  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6

  1. Eseguire il Browser Safari
  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

    1. Eseguire il Browser Safari iOS
    2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera

  1. Eseguire il Browser Opera
  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.


Come disabilitare i cookie di servizi di terzi


Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati