Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo

Locazione - Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo - erroneita' della sentenza impugnata laddove ha ritenuto che costituisca prassi - integrante un fatto notorio - la circostanza che il venditore di un immobile "salvo patto contrario" proceda a propria cura e spese, alla cancellazione dell'ipoteca, sotto il profilo della violazione dell'articolo 115 c.p.c., comma 2 (Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 25 settembre 2009, n. 20671)

Locazione - Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo - erroneita' della sentenza impugnata laddove ha ritenuto che costituisca prassi - integrante un fatto notorio - la circostanza che il venditore di un immobile "salvo patto contrario" proceda a propria cura e spese, alla cancellazione dell'ipoteca, sotto il profilo della violazione dell'articolo 115 c.p.c., comma 2 (Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 25 settembre 2009, n. 20671)

Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza del 25 settembre 2009, n. 20671

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La societa' Si. Ro. & C. srl conveniva, davanti al tribunale di Venezia, la M.G. Ju. sa. di. Fe. Gr. & C, quale locatrice, assumendo che era stato violato il suo diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo, dalla stessa condotto in locazione.

La societa' convenuta, costituitasi, contestava il fondamento della domanda.

Il tribunale, con sentenza del 9.6.2003, accoglieva la domanda, sostituendo l'attrice nella posizione di acquirente dell'immobile in questione e condannando la convenuta alla restituzione dei canoni medio tempore percepiti.

Quest'ultima proponeva appello e la Corte di Appello, con sentenza del 5.9.2005, in totale riforma della sentenza impugnata, rigettava le domande proposte dalla Si. Ro. & c. srl..

Ha proposto ricorso per Cassazione affidato a sei motivi la Si. Ro. & C. srl.

Resiste la M.G. Ju. sa. di. Fe. Gr. & C..

Entrambe le parti hanno presentato memoria.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Preliminarmente devono dichiararsi infondate le eccezioni proposte dall'odierna resistente.

Quanto a quella relativa alla proposizione di questioni nuove in questa sede e difetto di autosufficienza, deve rilevarsi che la ricorrente si e' limitata - trascrivendo in ricorso il contenuto dei documenti ritenuti rilevanti e rispettando, quindi, il principio di autosufficienza - a riproporre questioni che hanno gia' formato oggetto dell'esame di merito, in ordine alle quali, mentre il primo giudice si e' pronunciato in senso favorevole alla tesi prospettata dalla Si. Ro. & C. snc, - in ordine alla proposta domanda di riscatto, sul presupposto della differenza tra denuntiatio e contenuto del contratto di vendita dell'immobile a terzi - il giudice di appello, viceversa, ha totalmente accolto l'impugnazione proposta dalla M.G. Ju. sas, ritenendo conforme a diritto la condotta dell'attuale resistente.

La Si. Ro. & C. snc, in questa sede, pertanto, lamenta l'erroneita' della decisione impugnata, senza sollevare questioni nuove, non affrontate nelle fasi di merito.

Con il primo motivo la ricorrente principale denuncia la violazione dell'articolo 115 c.p.c., comma 2, c.p.c. (articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5 ed in subordine n. 4).

Il motivo e' fondato.

Correttamente la ricorrente ha denunciato l'erroneita' della sentenza impugnata laddove ha ritenuto che costituisca prassi - integrante un fatto notorio - la circostanza che il venditore di un immobile "salvo patto contrario" proceda a propria cura e spese, alla cancellazione dell'ipoteca, sotto il profilo della violazione dell'articolo 115 c.p.c., comma 2.

In questo caso, la Corte di cassazione deve esercitare il proprio controllo, ripercorrendo il medesimo processo cognitivo dello stato di conoscenza collettiva operato dal giudice del merito (Cass. 9.9.2008 n. 22880).

Ora, la Corte di merito - al fine di escludere che vi fosse differenza fra denuntiatio e clausole del contratto di compravendita, che indicava l'esistenza di un' ipoteca iscritta sull'immobile oggetto della vendita, con obbligo di successiva cancellazione "nel piu' breve tempo possibile" - ha dato per acclarato la prassi indicata, sottolineando che questo avrebbe comportato un vantaggio anche per la conduttrice.

Ma una tale prassi, non integra in alcun modo il fatto notorio, quale fatto acquisito alle conoscenze della collettivita'.

Inoltre, il ricorso alle nozioni di comune esperienza (fatto notorio), comportando una deroga al principio dispositivo ed al contraddittorio, introducendo, nel giudizio civile, prove non fornite dalle parti e relative a fatti dalle stesse non vagliati, ne' controllati, va inteso in senso rigoroso, e cioe' - come gia' detto - come fatto acquisito alle conoscenze della collettivita', con tale grado di certezza da apparire indubitabile ed incontestabile.

Ne deriva che non si possono reputare rientranti nella nozione di fatti di comune esperienza, intesa quale esperienza di un individuo medio, in un dato tempo e in un dato luogo, quegli elementi valutativi che implichino cognizioni particolari, od anche soltanto la pratica di determinate situazioni, ne' quelle nozioni che rientrino nella scienza privata del giudice; e cio' perche' quest'ultima, in quanto non universale, non rientra nella categoria del notorio (v. anche Cass. 28.2.2008 n. 5232; Cass. 19.11.2007 n. 23978).

Nella specie, la circostanza che il venditore cancelli l'ipoteca gravante sull'immobile all'atto della vendita non puo' assurgere a fatto notorio, posto che questa appare soltanto una delle facolta' che le parti possono prevedere - nell'ambito della loro autonomia privata - come clausola contrattuale, dovendosi, invece, affermare che le parti avrebbero potuto diversamente convenire; e cio' nell'interesse anche dell'acquirente, che avrebbe potuto giovarsi dell'accollo dell'ipoteca, con conseguente diminuzione del prezzo di acquisto.

Erra, percio', nuovamente, la Corte di merito che ha ritenuto che il conduttore avrebbe rifiutato di acquistare l'immobile non purgato dall'ipoteca, cosi' esprimendosi "vuoi infine perche' presumibilmente la stessa conduttrice giammai avrebbe sottoscritto un rogito senza prima ottenere la totale liberazione del bene".

Con il secondo motivo denuncia la violazione dell'articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5 per contraddittorieta' della motivazione; violazione dell'articolo 2121 c.c. e della Legge n. 392 del 1991, articolo 38, comma 2.

La ricorrente censura l'errato utilizzo delle presunzioni, quale mezzo di prova e la violazione della Legge n. 392 del 1991, articolo 38.

Il motivo e' fondato.

La Corte di merito, dopo avere enunciato correttamente i principii di diritto in materia di denuntiatio, ha poi, ritenuto irrilevante la circostanza che nella denuntiatio non fosse stata fatta menzione dell'ipoteca esistente sull'immobile, ricorrendo al fatto notorio - oggetto del precedente motivo - secondo il quale sarebbe prassi consolidata quella per cui il venditore avrebbe proceduto a sue spese alla cancellazione dell'ipoteca.

Ma, in tal modo motivando, e' incorsa in piu' violazioni.

Il fatto notorio - come gia' detto -, nella specie, si e' visto non sussistere per le considerazioni piu' sopra formulate.

Inoltre, la stessa Corte, nel considerare l'irrilevanza della detta menzione, ha anche fatto ricorso alla presunzione, secondo la quale la detta irrilevanza sarebbe stata determinata dalla circostanza che "presumibilmente la stessa conduttrice giammai avrebbe sottoscritto un rogito senza prima ottenere la totale liberazione del bene".

Un tale ragionamento non e' condivisibile.

Il ricorso alle presunzioni, infatti, puo' essere seguito, al fine di risalire da un fatto noto - come quello appunto ricavabile dal notorio - a quello ignoto.

Ma, se il notorio tale non e' - come nella specie - la presunzione non puo' piu' costituire un mezzo di prova.

La prassi per la quale, secondo la Corte di merito, salvo patto contrario, la venditrice avrebbe provveduto a sue spese e cura alla cancellazione dell'ipoteca, pertanto, non integra, ne' il fatto notorio, ne' puo' costituire la base dalla quale ricavare il fatto ignoto.

Correttamente, pertanto, la ricorrente ha denunciato, ai sensi dell'articolo 360 c.p.c., n. 3 la violazione dell'articolo 2727 c.c. (v. in questo senso anche Cass. 26.6.2008 n. 17535).

Ne', puo' farsi riferimento alla "operativita' delle garanzie di legge", poiche' la previsione della cancellazione dell'ipoteca a carico della venditrice costituisce soltanto una delle clausole contrattuali che le parti, nell'esercizio della loro autonomia privata, possono convenzionalmente prevedere.

Con il terzo motivo denuncia ai sensi dell'articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5: motivazione contraddittoria e violazione della Legge n. 392 del 1991, articoli 38 e 39 in relazione agli articoli 1321, 1322, 1324, 1326 e 1329 c.c..

Con il quarto motivo denuncia la violazione della Legge n. 392 del 1991, articolo 38 e degli articoli 1273, 1322, 1324 e 1326 c.c. in relazione all'articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5.

Con il quinto motivo denuncia la violazione, ai sensi dell'articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5, degli articoli 1180, 1273, 1372 e 1411 c.c..

Con il sesto motivo denuncia la violazione della Legge n. 392 del 1978, articoli 38 e 39 in relazione agli articolo 1321, 1322, 1324 e 1326 c.c. e all'articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5.

Tali motivi, per l'intima connessione delle censure con gli stessi avanzate, possono essere esaminati congiuntamente.

Essi sono fondati per le ragioni e nei termini che si vanno ad esporre.

La Corte di merito, dopo avere accertato la sussistenza di una discrepanza fra denuntiatio e rogito - per il fatto di non contenere la prima, ne' la indicazione della esistenza dell'ipoteca e delle sue vicende coma piu' sopra delineate, ne' l'indicazione dell'obbligo, da parte dell'acquirente, di pagare la somma di lire 25.800.000, a titolo di provvigione all'agente che aveva svolto l'intermediazione, nel termine fissato per il rogito, ed inoltre, - in ordine al pagamento dell'acconto di lire 50.000.000 - che, mentre, nella denuntiatio, era previsto il pagamento immediato, nel rogito, invece, si dava atto del versamento del prezzo di lire 430.000.000" prima della stipula, ma non gia' dell'avvenuto pagamento dell'acconto il 07.07.2001 ovvero nei giorni immediatamente successivi" e' passato a considerare ed a valutare la opportunita' e convenienza dell'operazione come svolta.

Ora, costituisce ius reception, come gia' detto, che - in tema di prelazione urbana - vada riconosciuto il diritto di riscatto, non solo nell'ipotesi in cui nella denuntiatio sia stato indicato al conduttore un prezzo superiore a quello risultante dalla vendita conclusa con il terzo, ma anche nel caso in cui, a parita' di prezzo, siano state concesse al terzo acquirente condizioni di pagamento piu' vantaggiose, senza che della stessa sia stata data tempestiva ed esatta comunicazione al conduttore avente diritto alla prelazione (Cass. 6.8.2002 n. 11776; Cass. 9.12.1997 n. 12459; Cass. 16.4.1993 n. 4532; Cass. 1.7.1991 n. 7241).

Infatti, ai sensi della Legge n. 392 del 1978, articolo 38, la denuntiatio deve indicare, non solo il corrispettivo, ma anche le altre condizioni alle quali la compravendita dovrebbe essere conclusa.

La rigorosita' del contenuto della denuntiatio prescinde, quindi, dalla sua natura, poiche' la completezza della stessa e' posto come requisito essenziale dalla legge, e trova la sua giustificazione nel fatto che il conduttore deve essere posto nelle condizioni di valutare compiutamente la convenienza o meno dell'acquisto del bene locatogli (v. in questo senso anche Cass. 1.7.1991 n. 7241).

Ma una tale valutazione spetta al conduttore, non anche al giudice, che deve limitarsi a verificare la coincidenza o meno tra le condizioni contenute nella denuntiatio, al fine dell'esercizio del diritto di prelazione, e quelle contenute nel rogito di vendita a terzi.

Diversamente, il giudice si arroga un potere che gli e' precluso, rientrando in quello dispositivo, spettante alle parti.

Al momento della denuntiatio, infatti, e' operata una cristallizzazione dei valori che non puo' piu' essere mutata in sede di conclusione del contratto di vendita.

Nel caso in esame, la Corte di merito, invece, ha operato una tale valutazione affermando che "L'omessa indicazione dell'esistenza dell'ipoteca, ed il successivo obbligo assunto nel rogito dalla venditrice non si e' risolto in un vantaggio a favore dell'acquirente ed in un pregiudizio per la conduttrice", concludendo che "Non vi era necessita' alcuna di darne notizia nella denuntiatio atteso che, comunque, la proprietaria avrebbe dovuto provvedere al trasferimento del bene libero da trascrizioni, iscrizioni e pesi di ogni genere", e che "anche la conduttrice, al momento della stipula, avrebbe beneficiato del vantaggio".

In ordine, poi, alle indicazioni, contenute nella denuntiatio, ma non riprodotte nell'atto di vendita dell'immobile all'odierna resistente, deve rilevarsi.

In tema di prelazione di immobili locati ad uso diverso da quello abitativo, la comunicazione della volonta' di trasferire il bene a titolo oneroso non ha natura di proposta contrattuale (ovvero di mera informativa di un generico intento di avviare trattative negoziali), ma riveste carattere di atto formale di interpello, vincolato nella forma e nel contenuto; cosicche' la corrispondente dichiarazione del conduttore, di esercizio della prelazione, non costituisce l'accettazione di una precedente proposta, e non comporta l'immediato acquisto dell'immobile.

Comporta, invece, la nascita dell'obbligo, a carico di entrambe le parti, di addivenire, entro un preciso termine, alla stipula del negozio di alienazione, con contestuale pagamento del prezzo indicato dal locatore.

Ne consegue, da un canto, che la ricordata comunicazione deve necessariamente provenire dal proprietario dell'immobile, e, dall'altro, che ogni possibilita' di libera trattativa tra le parti deve essere incondizionatamente esclusa, essendo interdetta al conduttore ogni facolta' di incidere sul contenuto del contratto gia' predeterminato dal proprietario, pena la declaratoria di invalidita' della prelazione (v. anche Cass. 17.11.1998 n. 11551).

Ora, nella specie, fra le condizioni contenute nella denuntiatio vi era quella per la quale il conduttore avrebbe dovuto pagare il costo della mediazione, indicata nella somma di lire 25.800.000.

Nel rogito di vendita tale condizione non e' piu' riprodotta.

La Corte di merito, a tale proposito, ritiene che "Il pagamento della provvigione costituisce obbligazione che si pone al di fuori del rapporto contrattuale di compravendita, a cui di norma e' estraneo, seppure collegato. La mancata indicazione, nel rogito, di tale rapporto e', percio', del tutto consueta e normale", aggiungendo "tra l'altro creditore, di tale obbligazione non era la venditrice, ma un soggetto terzo, che aveva piena liberta' di decidere, quando e come chiedere e/o ricevere il pagamento del dovuto".

Un siffatto ragionamento pecca sotto piu' profili.

In primo luogo e' irrilevante - ai fini che qui interessano - la circostanza che l'obbligazione relativa al pagamento della provvigione si ponga all'interno od all'esterno del rapporto di cui si tratta.

Quella che rileva, invece, e' che la previsione del pagamento della provvigione, contenuto nella denuntiatio, non sia stato piu' riprodotto nel rogito di vendita, comportando questo un'alterazione delle condizioni contrattuali, con la concessione, al terzo acquirente, di condizioni di pagamento piu' vantaggiose, non prevedendo piu' a suo carico tale pagamento; e di cio' non risulta sia stata data al conduttore, avente diritto alla prelazione, tempestiva ed esatta comunicazione.

Quanto, poi al fatto della irrilevanza della mancata indicazione, nel rogito, del rapporto di mediazione - perche' "consueta e normale", e dell'ulteriore circostanza secondo la quale, creditore di una tale obbligazione (quella relativa al pagamento della provvigione) non sarebbe stata "la venditrice, ma un soggetto terzo, che aveva piena liberta' di decidere, quando e come chiedere e/o ricevere il pagamento del dovuto", deve sottolinearsi che la posizione del mediatore non acquista alcun peso nella vicenda in esame.

Come gia' si e' detto, in questa sede rileva soltanto la ricorrente alterazione delle condizioni contrattuali.

La motivazione adottata, sul punto, dalla Corte di merito, non tiene conto della oggettiva ed accertata differenza delle stesse, come previste nei due atti, tentando di fornire una spiegazione - che non le e' richiesta - del perche' questa alterazione - sia con riferimento all'ipoteca, sia in relazione al pagamento della provvigione - non altererebbe il meccanismo contrattuale.

Cio' che, invece, interessa e' che una tale mancata previsione nel rogito di vendita unitamente alla mancata menzione dell'ipoteca e delle sue vicende estintive nella denuntiatio (la cui mancata menzione e - viceversa - previsione nel rogito ha inciso sul prezzo di vendita, costituendone parte) - abbiano impedito al prelazionario di valutare la vantaggiosita' dell'affare, al fine dell'esercizio o meno del suo diritto di riscatto dell'immobile.

Di qui la correttezza delle violazioni denunciate.

Conclusivamente, il ricorso va accolto.

Non puo' essere accolta, invece, l'istanza, formulata dalla ricorrente, ai sensi dell'articolo 384 c.p.c., comma 2, di decisione nel merito, da parte di questa Corte di legittimita'.

Cio' e' consentito alla Corte di Cassazione operando la cassazione sostitutiva - quando, a seguito dell'accoglimento del ricorso per violazione o falsa applicazione di norme di diritto, non siano necessari ulteriori accertamenti di fatto.

Ma, a tal fine, non e' sufficiente che gli elementi fattuali occorrenti per ricostruire la vicenda in questione siano stati acquisiti al processo nei gradi precedenti.

L'indagine diretta a stabilire la (eventuale) non necessita' di ulteriori accertamenti di fatto essere, infatti, compiuta unicamente sul provvedimento impugnato, nel senso che da questo deve emergere la sufficienza degli accertamenti effettuati per poter decidere la causa nel merito (v. anche Cass. 14.5.2003 n. 745).

Il giudice di rinvio, nel caso in esame, dovra', invece, nuovamente valutare gli elementi di fatto acquisiti, alla luce dei principii di diritto enunciati.

Ne' e' sufficiente che, sulle questioni esaminate, si sia pronunciato, il giudice di primo grado, per l'impossibilita' della reviviscenza della sentenza di primo grado.

La sentenza pronunciata dal primo giudice e' stata riformata da quella di secondo grado, in questa sede cassata.

Ne deriva che, per l'effetto sostitutivo della sentenza in questa sede impugnata, la pronuncia adottata dal secondo giudice toglie rilievo, nei limiti del principio tantum devolutum quantum appellatum, alla decisione di primo grado (v. anche Cass. 22.5.2006 n. 11928).

Le spese vanno rimesse al giudice del rinvio.

P.Q.M.

LA CORTE

Accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Corte d'Appello di Venezia in diversa composizione.

Stampa Email

Concorsi - Offerte di lavoro

Concorso pubblico, per esami, a trenta posti di Assistente parlamentare

Concorso pubblico, per esami, a trenta posti di Assistente parlamentare. SENATO DELLA REPUBBLICA (GU n.4 del 14-01-2020) (scad. 14 febbraio 2020)

-----

Attualità, News e Commenti in evidenza

Avvocati – il mancato aggiornamento obbligatorio determina la cancellazione dall’albo. D.M. 25 febbraio 2016, n. 47 - a cura di Domenico Condello – Avvocato del Foro di Roma. Già Consigliere dell’Ordine degli Avvocati

L’art. 21 della legge professionale forense (l. 247/2012) stabilisce che “La permanenza dell'iscrizione all'albo è subordinata all'esercizio della professione in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente”. . . .

Il nuovo processo civile del Ministro Buonafede. comunicato alla presidenza del Consiglio dei ministri il 9 gennaio 2020

efficienza del processo civile e revisione della disciplina degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie. Il nuovo processo civile del Ministro Buonafede. comunicato alla presidenza del Consiglio dei ministri il 9 gennaio 2020

Esami avvocato 2020 con i codici commentati. In arrivo il rinvio al 2020 o al 2021.

Esami avvocato 2020 con i codici commentati. In arrivo il rinvio al 2020 o al 2021. Presentati, al decreto mille proroghe in corso di conversione, emendamenti da 70 Deputati. A cura di Domenico Condello – Direttore scientifico della Scuola Forense Foroeuropeo.

Avvocati - Il CNF annulla la proclamazione alla carica di Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma dell’Avv. Pietro Di Tosto

Il Consiglio nazionale forense, visti gli artt. 36 L. n. 247/2012; 3, comma 3 della legge 12 luglio 2017, n. 113 e 11 quinquies del Decreto Legge 14 dicembre 2018, n. 135 (come inserito dalla legge di conversione 13 febbraio 2019, n.12), accerta e dichiara l’ineleggibilità dell’Avv. Pietro Di Tosto e ne annulla la proclamazione alla carica di Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma.  Consiglio Nazionale Forense, Decisione n. 10 del 18.1. 2020 – Dovrebbe subentrare l’avv. Massimiliano Cesali, primo dei non eletti.

-Scuola forense foroeuropeo

5 Febbraio 2020 h. 19.00 - Presentazione VIII Corso esame avvocato 2020 - Incontro con i docenti - Sede Via Cardinal de Luca 1 - Iscrizione obbligatoria libera, gratuita e senza impegni. 

. . . leggi tutto

VIII CORSO ANNUALE FRONTALE 2020 a ROMA - preparazione esame Avvocato 2020 - SCUOLA FORENSE FOROEUROPEO - 29 Febbraio 2020 /Novembre 2020 -  sconto 15% iscrizioni entro il 5.2.2020.

. . . leggi tutto

VIII CORSO ANNUALE A DISTANZA 2020 preparazione esame Avvocato 2020 - SCUOLA FORENSE FOROEUROPEO - 29 Febbraio 2020/Novembre 2020 - sconto 15% iscrizioni entro il 5.2.2020.

. . . leggi tutto

Convegni, Seminari, Corsi, Eventi, ..

VideoCorso  Le strategie difensive in materia di privacy. Come assistere i clienti durante i controlli e le ispezioni e come difenderli in caso di contenzioso. I profili deontologici.  Introduce  Avv. Domenico Condello, Già Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma  - Relatori: Avv. Giovanni Guerra, Avvocato del Foro di Roma - Esperto in Diritto della protezione dei dati personali- Avv. Paolo Ricchiuto Avvocato del Foro di Roma Esperto in Diritto della protezione dei dati personali -Registrazione/acquisto

. . . Leggi tutto

Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo - Foroeuropeo logo_Univ_foro_miniCORSO UNIVERSITARIO DI PERFEZIONAMENTO ABILITANTE PER L'ISCRIZIONE ALL'ALBO NAZIONALE DEI CURATORI, COMMISSARI GIUDIZIALI, LIQUIDATORI, ESPERTI E COADIUTORI E COMPONENTI COLLEGIO OCRI -  28 Febbraio 2020 – 21 Luglio 2020 - 

Coordinamento scientifico -Prof. Avv. Antonella Marandola - Ordinario di procedura penale Università del Sannio - Avv. Domenico Condello - Direttore Scientifico Scuola Forense Foroeuropeo - Già Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma - sconto 50% pre-scrizione effettuata entro il 30.1.2020

. . . Leggi tutto

Massime corte di cassazione

Ricorsi amministrativi - ricorso straordinario al capo dello stato - decisione - Corte di Cassazione, Sez. U , Sentenza n. 29081 del 11/11/2019 (Rv. 656057 - 01)

Mancata contestazione della controparte in punto di giurisdizione - Decisione presidenziale conforme al parere del Consiglio di Stato - Proponibilità ricorso ex art. 111, comma 8, Cost. e 362 c.p.c. - Esclusione - Fondamento.

Avvocatura dello stato - rappresentanza e difesa in giudizio dello stato e delle regioni - Corte di Cassazione, Sez. U, Sentenza n. 30008 del 19/11/2019 (Rv. 656068 - 01)

Agenzia delle Entrate-Riscossione - Difesa in giudizio da parte dell'Avvocatura dello Stato o di avvocati del libero foro - Presupposti.

Procedimenti cautelari - azioni di nunciazione – Corte di Cassazione, Sez. U, Ordinanza n. 30009 del 19/11/2019 (Rv. 656069 - 01)

Azioni di nunciazione nei confronti della pubblica amministrazione - Riparto di giurisdizione - Criterio discretivo.

Impugnazioni civili - revocazione (giudizio di) - motivi di revocazione - errore di fatto - Corte di Cassazione, Sez. U, Ordinanza n. 31032 del 27/11/2019 (Rv. 656234 - 01)

Sentenza della Corte di Cassazione - Revocazione per omessa pronuncia su uno o più motivi - Ammissibilità - Condizioni.

Espropriazione per pubblico interesse (o utilità') - in genere - Corte di Cassazione, Sez. U, Ordinanza n. 31028 del 27/11/2019 (Rv. 656075 - 02)

Programma di fabbricazione - Sua equivalenza a dichiarazione di pubblica utilità - Esclusione - Fondamento.

Ordinamento giudiziario - disciplina della magistratura - procedimento disciplinare - in genere - Corte di Cassazione, Sez. U , Sentenza n. 31058 del 27/11/2019 (Rv. 656167 - 01)

Illecito disciplinare di cui all'art. 2, comma 1, lett. d), del d.lgs. n. 109 del 2006 - Grave scorrettezza - Carattere elastico - Funzionalità - Nozione - Fattispecie.

Corte dei conti - attribuzioni - giurisdizionali - giurisdizione della corte - pensioni ordinarie - pensioni a carico dello stato e altri enti - Corte di Cassazione, Sez. U, Ordinanza n. 31024 del 27/11/2019 (Rv. 656074 - 02)

Domanda di ex dipendente pubblico di annullamento degli atti costituenti presupposto per la liquidazione della pensione - Giurisdizione del giudice ordinario - Sussistenza - Fondamento - Fattispecie in tema di riliquidazione "in pejus" del trattamento pensionistico da parte dell'Inps.

Convegni in Videoconferenza accreditati CNF

. . . . . . .per iscrizione, costi e modalità utilizzo cliccare qui - - >

28 Gennaio 2020 h.13.30/16.30 - La ripartizione delle spese condominiali”, (nullità ed annullabilità delle delibere relative; incidenza sull'opposizione a decreto ingiuntivo; deroghe convenzionali; esoneri totali; tabelle millesimali). Il conduttore nella locazione e nel condominio. Relatori Dott. Franco Petrolati, presidente della IV sezione della Corte d’Appello di Roma, Dott. Riccardo Redivo, Già Presidente di Sezione della Corte di Appello di Roma  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

. . . .leggi tutto

25 Febbraio 2020 h.13.30/16.30 - Diritto Comunitario: come ricorrere alla Corte Europea dei Diritti dell’uomo. Le tecniche argomentative e di redazione del ricorso.  Le novità giurisprudenziali. Introduce Avv. Domenico Condello, già Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma - Direttore Scientifico rivista giuridica online Foroeuropeo Relatori Avv. Maurizio de Stefano, Avvocato del Foro di Roma - Patrocinante Corte Europea dei Diritti dell’Uomo Avv. Andrea Saccucci, Avvocato del Foro di Roma, Specialista nel contenzioso nazionale ed internazionale in materia di diritti umani - Professore di Diritto Internazionale – Seconda Università di Napoli  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

. . . .leggi tutto

10 Marzo 2020 h.13.30/16.30 - Il bilancio per avvocati: come leggere un bilancio fondamenti e indicazioni pratiche  – Relatori avv. Filippo Mengucci e Prof. Luca Provaroni - Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

. . . .leggi tutto

17 Marzo 2020 h.13.30/16.30 - Diritto Bancario - Anatocismo bancario e vizi nei contratti.   Normativa e giurisprudenza di riferimento.  – Relatori Avv. Roberto di Napoli e Avv. Daniele Rossi – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

. . . .leggi tutto

7 Aprile 2020 h.13.30/16.30 - in preparazione  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

. . . .leggi tutto

21 Aprile 2020 h.13.30/16.30 - in preparazione  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

. . . .leggi tutto

Amministratori condominio

Corso di aggiornamento online Amministratore condominio 2020

Corso di aggiornamento ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività di amministratore del condominio ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014. 

Avvocati C.N.F. Decisioni pareri circolari - Osservatorio forense

Accesso al fascicolo processuale Tar Napoli, sez. I, ord., 4 dicembre 2019, n. 3796 – Pres. ed Est. Veneziano

Accesso al fascicolo processuale Accesso ai documenti - Fascicolo di causa giudiziaria – Soggetti legittimati – Individuazione. Tar Napoli, sez. I, ord., 4 dicembre 2019, n. 3796 – Pres. ed Est. Veneziano

 Avvocati - requisito della sussistenza dell’esercizio della professione in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente

Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo - Foroeuropeo computer-immagine-animata-0004A tali fini l'Unione Lombarda degli Ordini Forensi ha predisposto una piattaforma Online, che sarà attivata a partire dal mese di gennaio 2020, mediante la quale ogni avvocato potrà presentare telemáticamente una dichiarazione relativa alla propria posizione. La cancellazione dall’Albo è disposta quando il consiglio dell’Ordine circondariale accerta la mancanza dell’esercizio effettivo, continuativo, abituale e prevalente della professione e l’avvocato non dimostra la sussistenza di giustificati motivi oggettivi o soggettivi.

avvocato specialista - conseguimento e mantenimento del titolo di avvocato specialista - parere Consiglio di Stato

Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo - Foroeuropeo avvocato_pupoavvocato specialista - conseguimento e mantenimento del titolo di avvocato specialista, ai sensi dell'articolo 9 della legge 31 dicembre 2012, n. 247 - Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 5 dicembre 2019 n. 00427/2019 - Le nuove specializzazioni

compenso congruo ed equo, ovvero proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto Tar Marche n. 00524 del 09/12/2019

compenso congruo ed equo: - le pubbliche amministrazioni, nell’affidamento dei servizi di opera professionale (qual è quello in questione), sono tenute a corrispondere un compenso congruo ed equo, ovvero proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, nonché al contenuto e alle caratteristiche della prestazione;- al fine di accertare l’equità del compenso, occorre far riferimento ai parametri stabiliti dai singoli decreti ministeriali per ciascuna categoria di professionisti;- detti parametri non possono essere considerati alla stregua di minimi tariffari inderogabili (pena la surrettizia introduzione di tariffe obbligatorie fisse o minime per le attività professionali e intellettuali, abolite dal cosiddetto “decreto Bersani”), ma costituiscono un criterio orientativo per la determinazione del compenso; in altri termini, non è esclusa, in via di principio, la possibilità che le parti pattuiscano liberamente il compenso anche in deroga ai parametri di liquidazione indicati nei citati decreti ministeriali (in particolare, art. 1, comma 7, del DM n. 140 del 2012); Tar Marche n. 00524 del 09/12/2019

eBook - manuali

Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se continui ad utilizzare questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

Uso dei cookie

Foroeuropeo.eu o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di Foroeuropeo.eu.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da Foroeuropeo.eu.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Foroeuropeo.eu userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.


Foroeuropeo.eu, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da Foroeuropeo.eu e che che quindi non risponde di questi siti.


Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito:

  • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni
  • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo)  dell’utente –  necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti
  • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi
  • _dc – di sessione – utilizzato per limitare le richieste di remarketing (non presente ad ora su Foroeuropeo.eu.com) che sono state fatte necessario al servizio di terze parti di Google Analytics. Dura 10 minuti
  • PHPSESSID  – di sessione – necessarioda WordPress per identificare la singola sessione di un utente.
  • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni
  • frm_form8_0398a1368566c8697942eb6f74ad02a5 – sessione – necessario per i referral del modulo di contatto

Cookie di terze parti:

  • Facebook:
    • act – sessione
    • c_user – persistente
    • csm – persistente
    • datr – persistente
    • fr – persistente
    • i_user – sessione
    • lu – persistente
    • p – sessione
    • presence – sessione
    • s – persistente
    • x-src – persistente
    • xs – persistente
    • datr – persistente
    • lu – persistente
  • Google +
    • AID – persistente
    • APISID – persistente
    • HSID – persistente
    • NID – persistente
    • OGP – persistente
    • OGPC – persistente
    • PREF – persistente
    • SAPISID – persistente
    • SID – persistente
    • SSID – persistente
    • TAID – persistente
    • OTZ – persistente
    • PREF – persistente
    • ACCOUNT_CHOOSER – persistente
    • GAPS – persistente
    • LSID – persistente
    • LSOSID – persistente
    • RMME – persistente
  • Twitter
    • __utma – persistente
    • __utmv – persistente
    • __utmz – persistente
    • auth_token – persistente
    • guest_id – persistente
    • pid – persistente
    • remember_checked – persistente
    • remember_checked_on – persistente
    • secure_session – persistente
    • twll – persistente
    • dnt – persistente
    • eu_cn – persistente
    • external_referer – persistente
  • Mozcast
    • __utma – persistente
    • __utmz – persistente

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome

  1. Eseguire il Browser Chrome
  2. Fare click sul menù Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo - Foroeuropeo chrome-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Impostazioni
  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  2. Fare click sul menù Vendita immobile - diritto di prelazione per l'acquisto dell'immobile ad uso non abitativo - Foroeuropeo firefox-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Opzioni
  4. Seleziona il pannello Privacy
  5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer
  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6

  1. Eseguire il Browser Safari
  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

    1. Eseguire il Browser Safari iOS
    2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera

  1. Eseguire il Browser Opera
  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.


Come disabilitare i cookie di servizi di terzi


Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati