754. (Apposizione d'ufficio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online logo 754. (Apposizione d'ufficio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online foro_rivista

565 visitatori e 6 utenti online

754. (Apposizione d'ufficio)

Codice di procedura civile Libro Quarto: DEI PROCEDIMENTI SPECIALI Titolo IV: DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'APERTURA DELLE SUCCESSIONI Capo I: DISPOSIZIONI GENERALI Capo II: DELL'APPOSIZIONE E DELLA RIMOZIONE DEI SIGILLI Sezione I: DELL'APPOSIZIONE DEI SIGILLI 754. (Apposizione d'ufficio)

Art. 754. (Apposizione d'ufficio)

1. L'apposizione dei sigilli è disposta d'ufficio o su richiesta del pubblico ministero nei casi seguenti:

1) se il coniuge o alcuno degli eredi è assente dal luogo;

2) se tra gli eredi vi sono minori o interdetti e manca il tutore o il curatore;

3) se il defunto è stato depositario pubblico, oppure ha rivestito cariche o funzioni per effetto delle quali si ritiene che possano trovarsi presso di lui atti della pubblica amministrazione o comunque di carattere riservato. La disposizione di questo articolo non si applica nei casi indicati nei numeri 1 e 2, se il defunto ha disposto altrimenti con testamento.

2. Nel caso indicato nel numero 3 i sigilli si appongono soltanto sugli oggetti depositati, o ai locali o mobili nei quali possono trovarsi gli atti ivi enunciati.

___________________________________________________________
Giurisprudenza:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

754. (Apposizione d'ufficio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10erariali indiretti (riforma tributaria del 1972) - imposta sulle successioni e donazioni - imposta sulle successioni - base imponibile - attivo ereditario - denaro, gioielli, mobilia – Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 11993 del 22/05/2006
Presunzione di esistenza - Art. 9, secondo comma, del d.lgs. n. 346 del 1990 - Prova contraria - Inventario redatto in conformità degli artt. 769 e ss. cod. proc. civ. - Sufficienza - Apposizione dei sigilli - Necessità - Limiti. Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 11993 del 22/05/2006 In tema di imposta di successione, l'apposizione dei sigilli, costituendo una fase indispensabile della procedura di formazione dell'inventario ed un requisito di validità del documento che lo incorpora soltanto nelle ipotesi tassativamente previste dalla legge (art. 705 cod. civ., art. 754 cod. proc. civ.), non rappresenta, al di fuori delle predette ipotesi, un adempimento necessario ai fini della correttezza dell'inventario, e quindi del superamento della presunzione di cui all'art. 9, secondo comma, del d.lgs. 31 ottobre 1990, n. 346, essendo normalmente sufficiente, affinchè l'inventario risulti idoneo a vincere la predetta presunzione, che esso sia stato redatto in conformità degli artt. 769 e ss. cod. proc. civ. Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 11993 del 22/05/2006  ...
754. (Apposizione d'ufficio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10erariali indiretti (riforma tributaria del 1972) - imposta sulle successioni e donazioni - imposta sulle successioni - base imponibile - attivo ereditario - denaro, gioielli, mobilia – Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 11993 del 22/05/2006
Presunzione di esistenza - Art. 9, secondo comma, del d.lgs. n. 346 del 1990 - Prova contraria - Inventario redatto in conformità degli artt. 769 e ss. cod. proc. civ. - Sufficienza - Apposizione dei sigilli - Necessità - Limiti. Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 11993 del 22/05/2006 In tema di imposta di successione, l'apposizione dei sigilli, costituendo una fase indispensabile della procedura di formazione dell'inventario ed un requisito di validità del documento che lo incorpora soltanto nelle ipotesi tassativamente previste dalla legge (art. 705 cod. civ., art. 754 cod. proc. civ.), non rappresenta, al di fuori delle predette ipotesi, un adempimento necessario ai fini della correttezza dell'inventario, e quindi del superamento della presunzione di cui all'art. 9, secondo comma, del d.lgs. 31 ottobre 1990, n. 346, essendo normalmente sufficiente, affinchè l'inventario risulti idoneo a vincere la predetta presunzione, che esso sia stato redatto in conformità degli artt. 769 e ss. cod. proc. civ. Corte di Cassazione Sez. 5, Sentenza n. 11993 del 22/05/2006  ...
754. (Apposizione d'ufficio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Tributi erariali indiretti - imposta di successione - presunzioni – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 4578 del 21/05/1990
Presunzione di esistenza in predeterminata percentuale di gioielli, danno e mobilio nell'attivo ereditario - prova contraria - inventario di accettazione beneficiata - requisiti.* Ai fini della determinazione del valore imponibile per l'imposta di successione, la prova contraria atta a vincere la presunzione - di esistenza in predeterminata percentuale di gioielli, denaro e mobilio nell'attivo errio - di cui all'art. 31 del R.d. 30 dicembre 1923 n. 3270 (poi abrogato dall'art. 8 del successivo D.P.R. n. 637 del 1972) può essere costituita solo da inventari che o siano stati redatti nel corso delle procedure di tutela, di fallimento, e di opposizione e rimozione di sigilli o che siano stati redatti - o comunque ivi validamente utilizzati - nel corso della procedura di accettazione beneficiata introdotta da uno dei chiamati all'eredità della cui imposta si controverte. A tal fine tali documenti, oltre che completi, devono rispettare le prescrizioni formali dettate, in generale, per tutti gli inventari, e, in particolare, per quelli del corrispondente tipo, onde, specificamente quelli afferenti alla accettazione beneficiata, devono essere stati preceduti dall'adempimento della preventiva sigillazione, quando questa sia prescritta a pena di Invalidità (V. Artt. 705 cod. civ., 763, comma secondo, in relazione a 754, comma primo, cod. proc. civ.). ( V 2689/78, mass n 392070; ( V 2339/75, mass n 376187; ( V 3673/69, mass n 343914; ( V 797/66, mass n 321604).* Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 4578 del 21/05/1990  ...

___________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice di procedura civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati