Arbitrato - arbitri - compenso - Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 25045 del 07/12/2016 - Foroeuropeo logo Arbitrato - arbitri - compenso - Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 25045 del 07/12/2016 - Foroeuropeo foro_rivista

540 visitatori e un utente online

Arbitrato - arbitri - compenso - Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 25045 del 07/12/2016

Determinazione equitativa sulla base dei parametri di cui al d.m. n. 127 del 2004 (applicabile “ratione temporis”) - Valore della causa - Quantificazione - Art. 6 del citato d.m. - Applicabilità - Art. 12 c.p.c. – Inutilizzabilità

Nell’ipotesi in cui la determinazione del compenso agli arbitri, in ragione della composizione mista del collegio arbitrale, avvenga in via equitativa utilizzandosi i parametri di cui al d.m. n. 127 del 2004 (applicabile “ratione temporis”), anche il valore della controversia deve essere determinato alla stregua dei criteri generali previsti dall’art. 6 del d.m. citato, e cioè sulla base non di quanto richiesto dalla parte vincitrice ma di quanto liquidatole con la decisione, non essendo in tal caso applicabile l’art. 12 c.p.c., atteso che le tabelle di liquidazione sono strettamente collegate ai criteri generali di liquidazione dalle stesse previste, onde non è possibile applicare in via equitativa le une prescindendo dagli altri.

Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 25045 del 07/12/2016

 

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati