Print Friendly, PDF & Email

Condizioni - Pagamento effettuato dal "solvens" nella convinzione di non essere debitore - Irrilevanza.

La proponibilità dell'azione di ripetizione d'indebito oggettivo non è esclusa dall'avere il "solvens" effettuato il pagamento non già nell'erronea consapevolezza dell'esistenza dell'obbligazione, ma, al contrario, nella convinzione di non essere debitore e, quindi, senza l'"animus solvendi", nemmeno quando tale convinzione sia stata enunciata in una espressa riserva formulata in sede di pagamento.

Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 3894 del 17/02/2020 (Rv. 657149 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Civ_art_2033

OBBLIGAZIONI IN GENERE

NASCENTI DALLA LEGGE

RIPETIZIONE DI INDEBITO

 

Accedi

Online ora

929 visitatori e 28 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile