Print Friendly, PDF & Email

Delibera di aumento del capitale sociale - Mora del socio per i versamenti -Esclusione del socio - Impossibilità - Fondamento - Limiti.

Nelle società a responsabilità limitata, nel caso di mora del socio nell'esecuzione dei versamenti dovuti alla società a titolo di conferimento per il debito da sottoscrizione dell'aumento del capitale sociale deliberato dall'assemblea nel corso della vita della società, il socio non può essere escluso, essendo egli titolare della partecipazione sociale sin dalla costituzione della società; pertanto, ferma la permanenza del socio in società per la quota già posseduta, l'assemblea deve deliberare la riduzione del capitale sociale solo per la misura corrispondente al debito di sottoscrizione derivante dall'aumento non onorato, fatto salvo solo il caso in cui lo statuto preveda l'indivisibilità della quota.

Corte di Cassazione, Sez. 1 - , Sentenza n. 1185 del 21/01/2020 (Rv. 656877 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Civ_art_2466, Cod_Civ_art_2481_2, Cod_Civ_art_2344

SOCIETA' DI CAPITALI

SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA

CAPITALE SOCIALE

 

Accedi

Online ora

446 visitatori e 4 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile