Print Friendly, PDF & Email

Servitù' - prediali - esercizio - alterazione - aggravamento (divieto di) - Disciplina dettata dagli artt. 1064, comma 1, c.c. e 1067, comma 1, c.c. – Differenze - SERVITÙ' - "nemini res sua servit" - prestazioni accessorie .

SERVITU'

ALTERAZIONE

AGGRAVAMENTO

A norma dell'art. 1064, comma 1, c.c., il diritto di servitù comprende tutto ciò che è necessario per usarne ed è comprensivo anche degli "adminicula servitutis" - e, cioè, di quelle facoltà accessorie, indispensabili per l'esercizio del diritto e senza le quali l'"utilitas" della servitù non potrebbe ricevere attuazione - la cui modifica non si ripercuote sul vincolo, né sulle modalità di attuazione della servitù medesima; ne consegue che la modifica di tali facoltà non è riconducibile in alcun modo alla disciplina dell'art. 1067, comma 1, c.c., che consente al proprietario del fondo dominante di apportare, alle cose ed opere destinate all'esercizio della servitù, quelle modifiche che ne rendano più agevole o comodo l'esercizio medesimo, ove ciò non si traduca in un apprezzabile aggravio dell'onere che pesa sul fondo servente.

Corte di Cassazione. Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 16322 del 30/07/2020 (Rv. 658745 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Civ_art_1064, Cod_Civ_art_1067

corte

cassazione

16322

2020

Accedi

Online ora

702 visitatori e 19 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile