Print Friendly, PDF & Email

Commercializzazione di "whisky" - Denominazione fuorviante - Concorrenza sleale - Configurabilità - Fattispecie.

Costituisce atto di concorrenza sleale la commercializzazione di un "whisky" con una denominazione fuorviante (nella specie, "Scottish Swordsman" e "Scottish Piper"), tale, quindi, da suggerire, contro il vero, la provenienza del prodotto dalle tradizionali aree geografiche di produzione, e cioè dalla Scozia.

Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 16948 del 10/08/2016

 

Accedi

Online ora

275 visitatori e 2 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile