Contratti agrari - affitto di fondi rustici - affitto a coltivatore diretto - coltivatore diretto - in genere - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 4209 del 17/02/2017

Nozione – Ex art. 6 della l. n. 203 del 1982 – Requisito del terzo, della forza lavorativa sua e della famiglia – Concomitante esclusività dell’attività coltivatrice – Necessità – Esclusione

Nel definire il concetto di coltivatore diretto, l’art. 6 della l. n. 203 del 1982 si limita a stabilire che la forza lavorativa sua e della famiglia deve costituire almeno un terzo di quella occorrente per le normali necessità di coltivazione del fondo, tenuto conto agli effetti del computo delle giornate necessarie per la sua coltivazione anche dell’impiego di macchine agricole, senza fare alcun riferimento alla esclusività dell’attività coltivatrice rispetto ad altre eventualmente esercitate, se del caso con carattere di prevalenza.

Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 4209 del 17/02/2017

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati