Esecuzione forzata - precetto - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 22645 del 11/12/2012

Richiesta, in sede esecutiva, di ratei di credito successivi a quelli già quantificati nel precetto e basati sul medesimo titolo esecutivo - Ulteriore precetto da parte del creditore - Necessità - Esclusione.

Per richiedere, in sede esecutiva, i ratei di credito successivi a quelli quantificati nel precetto, e basati sul medesimo titolo, non è necessario, per il creditore, intimare un ulteriore precetto, potendo tener luogo di un formale atto di intervento, ove tanto non leda i diritti del debitore o di altri eventuali creditori, la menzione di detti ratei nella cd. nota di precisazione del credito, depositata ai fini dell'ordinanza determinativa delle somme necessarie per la conversione.

Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 22645 del 11/12/2012

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

Esecuzione forzata - precetto - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 22645 del 11/12/2012 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Esecuzione forzata - precetto - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 22645 del 11/12/2012 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati