esecuzione forzata - titolo esecutivo - cauzione – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 4334 del 23/02/2009

Modalità di prestazione della cauzione - Impossibilità anche giuridica - Onere del creditore di chiedere al giudice la modifica del provvedimento impositivo della cauzione in relazione alle modalità di prestazione della stessa - Necessità - Omissione - Conseguenze - Possibilità per il creditore di prestare unilateralmente cauzione in altro modo - Esclusione. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 4334 del 23/02/2009

In tema di esecuzione forzata, il creditore procedente onerato dal versamento di una cauzione, ove ritenga - anche giuridicamente - impossibile prestare la cauzione nelle modalità fissate dal giudice, ha l'onere di chiedere al giudice medesimo di modificarle, mentre non gli è consentito scegliere autonomamente di prestare la cauzione con modalità diverse da quelle stabilite dal giudice.

Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 4334 del 23/02/2009

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati