Print Friendly, PDF & Email

Spese giudiziali civili - compensazione - in genere - art. 92 c.p.c. nella formulazione successiva alle modifiche di cui alla l. n. 263 del 2005 - indicazione nella motivazione dei "giusti motivi" della compensazione - necessità - conseguenze. Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Ordinanza n. 25594 del 12/10/2018

>>> In tema di compensazione delle spese processuali, ai sensi dell'art. 92 c.p.c. (nella formulazione, applicabile "ratione temporis", modificata dall'art. 2, comma 1, lett. a, della l. n. 263 del 2005), il giudice è tenuto ad indicare, ove non sussista soccombenza reciproca, i giusti motivi posti a fondamento della stessa che non possono essere costituiti dal riferimento alla natura oal modesto valore della controversia ovvero risolversi nell'uso di motivazioni illogiche o meramente apparenti.

Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Ordinanza n. 25594 del 12/10/2018

Accedi

Online ora

351 visitatori e un utente online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile