Sanzioni amministrative - applicazione - opposizione - in genere - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 9764 del 26/05/2020 (Rv. 658007 - 01)

Avverso verbale di accertamento di violazioni amministrative diverse da quelle relative ad inosservanza delle norme sulla circolazione stradale - Ammissibilità - Esclusione - Fondamento.

In tema di opposizione a sanzioni amministrative, il verbale di accertamento della violazione è impugnabile in sede giudiziale unicamente se concerne l’inosservanza di norme sulla circolazione stradale, essendo in questo caso soltanto idoneo ad acquisire il valore e l'efficacia di titolo esecutivo per la riscossione della pena pecuniaria nell'importo direttamente stabilito dalla legge; al di fuori di tale ambito, invece, il verbale non incide "ex se" sulla situazione giuridica soggettiva del presunto contravventore, essendo esclusivamente destinato a contestargli il fatto e a segnalargli la facoltà del pagamento in misura ridotta, in mancanza del quale l'autorità competente dovrà procedere ad emettere l’eventuale ordinanza di ingiunzione, suscettibile, a sua volta, di opposizione.

Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 9764 del 26/05/2020 (Rv. 658007 - 01)

Stampa