Sanzioni amministrative - applicazione - ordinanza - ingiunzione – Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 1740 del 27/01/2020 (Rv. 656852 - 01)

Omessa o erronea indicazione nell'ordinanza ingiunzione del termine per proporre opposizione e dell'autorità competente - Effetti - Decadenza dalla facoltà di proporre opposizione - Esclusione - Condizioni.

L'omessa o erronea indicazione, nell'ordinanza ingiunzione (o, in sua mancanza, nella cartella di pagamento), del termine per proporre l'opposizione e dell'autorità competente a decidere sulla stessa, ai sensi dell'art. 3, comma 4, della l. n. 241 del 1990, non determinano, "ex se", invalidità dell'atto ma, possono, al più, dar luogo ad errore scusabile, impedendo la decadenza dal diritto di proporre opposizione, qualora tali indicazioni mancanti o sbagliate non consentano l'adeguata identificazione dell'Autorità a cui ricorrere e la conoscenza dei termini relativi.

Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 1740 del 27/01/2020 (Rv. 656852 - 01)

SANZIONI AMMINISTRATIVE

APPLICAZIONE

ORDINANZA

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati