Risarcimento del danno - condanna generica - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15335 del 13/09/2012

Accertamento di un fatto potenzialmente produttivo di un danno - Sufficienza - Cognizione riservata al giudice della fase della liquidazione - Concreta esistenza del danno - Conseguenze - Negazione della sussistenza del danno - Configurabilità - Violazione del giudicato relativo all' "an debeatur" - Esclusione.

La pronuncia di condanna generica al risarcimento presuppone soltanto l'accertamento di un fatto potenzialmente produttivo del danno, rimanendo l'accertamento della concreta esistenza dello stesso riservato alla successiva fase, con la conseguenza che al giudice della liquidazione è consentito di negare la sussistenza del danno, senza che ciò comporti alcuna violazione del giudicato formatosi sull' "an".

Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15335 del 13/09/2012

 

Stampa Email

eBook - manuali

Risarcimento del danno - condanna generica - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15335 del 13/09/2012 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Risarcimento del danno - condanna generica - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15335 del 13/09/2012 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati