Osservatorio Forense Consiglio Ordine di Roma La c.d. "truffa di corsi post universitari"

Osservatorio Forense Consiglio Ordine di Roma - La c.d. "truffa di corsi post universitari" organizzata da un soggetto iscritto all'albo degli avvocati di Roma e patrocinante in cassazione senza avere la laurea - il sequestro del fascicolo personale presso il Consiglio e la perquisizione in uno studio legale di Roma - Le richieste di informazioni urgenti - Il Consiglio prende atto e rinvia ad altra adunanza. Ecco l'estratto integrale del verbale della adunanza dell' 8 Novembre 2012 pubblicato sul sito web del Consiglio.

 

Estratto dal verbale pubblicato sul sito web del Consiglio

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA VERBALE N. 38 DELL'ADUNANZA DELL'8 NOVEMBRE 2012
- All'adunanza hanno partecipato il Presidente Mauro Vaglio, il Consigliere Segretario Pietro Di Tosto, il Consigliere Tesoriere Donatella Cerè, nonchè i Consiglieri Alessandro Cassiani, Domenico Condello, Isabella Maria Stoppani, Fabrizio Bruni, Antonio Conte, Mario Scialla, Roberto Nicodemi, Riccardo Bolognesi, Antonino Galletti, Mauro Mazzoni, Matteo Santini, Aldo Minghelli.

omissis

Comunicazioni dei Consiglieri
- Il Consigliere Condello, con riferimento a quanto evidenziato nelle adunanze del 18 ottobre 2012 e del 25 ottobre 2012, ha provveduto ad esaminare il fascicolo personale del Dott. (omissis) n. 294/2012 presso l'Ufficio Disciplina.

Il Consigliere Condello ricorda che il problema, come si rileva da alcuni giornali, è nato dalla c.d. "truffa di corsi post universitari" (ad es. master in diritto di famiglia civile e penale) organizzati da un docente dell'Università della Tuscia. Detto docente è stato individuato dalla Guardia di Finanza nella persona di (omissis), Avvocato iscritto all'Ordine degli Avvocati di Roma e patrocinante in Cassazione.

Il Consigliere Condello evidenzia che dall'esame del fascicolo disciplinare n. 294 del 2012 risulta quanto segue:

1) Il fascicolo è stato aperto in seguito a due comunicazioni:
- una e-mail inviata all'Ufficio Disciplina del Consiglio in data 28 marzo 2012, dal Consigliere Santini del seguente tenore: "Gentile Signora, trasmetto copia di informazione di garanzia e decreto di perquisizione locale effettuato questa mattina in Via Maria Cristina 2 nei confronti dell'Avv. (omissis). Preciso che le attività di perquisizione non sono state svolte in quanto "non risulta essere presente presso questo studio legale, alcun locale e/o attrezzatura e/o mobili in uso alla persona indagata Sig. (omissis). Si trasmette la presente anche ai fini dell'apertura della pratica disciplinare".
- la comunicazione fatta dal Consigliere Mazzoni, nell'adunanza del 29 marzo 2012, del seguente tenore: "Il Consigliere Mazzoni comunica che in data 28 marzo 2012 gli agenti del Nucleo Speciale Frodi Telematiche, visto l'ordine del P.M., Dott. Alberto Caperna al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma di esibire e consegnare tutta la documentazione contenuta nel fascicolo dell'indagato, Avv. (omissis), hanno ritirato due copie del fascicolo contenente i documenti depositati dal predetto professionista al momento della sua iscrizione nell'Albo degli Avvocati.
Il Consigliere Mazzoni comunica, inoltre, di aver provveduto a richiedere all'Università 'Roma Tre' un'attestazione inerente il conseguimento della laurea in giurisprudenza del ridetto Avv. (omissis). Il Consiglio prende atto e manda all'Ufficio Disciplina per l'apertura di una pratica nei confronti dell'Avv. (omissis)."

2) Dall'esame del provvedimento, del Procuratore della Repubblica, Dott. Caperna, datato 27 marzo 2012, si rileva che era stato ordinato al Consiglio di esibire tutta la documentazione relativa all'iscrizione nell'Albo del Dott. (omissis) ed era stata prevista la perquisizione nei locali adibiti all'attività professionale, indicati dall'Autorità Giudiziaria quali nella disponibilità dell'Avv. (omissis) e siti in Roma Via Statilio Tauro 7 e Via Maria Cristina 2.

3) Dal verbale depositato in atti si rileva che la Guardia di Finanza, in data 28 marzo 2012, ha notificato detto provvedimento al Consiglio dell'Ordine ed ha provveduto ad estrarre copia del fascicolo personale dell'Avv. (omissis) esistente presso l'Ufficio Disciplina del Consiglio.

4) Dall'esame della comunicazione del Consigliere Santini e del provvedimento dell'Autorità Giudiziaria depositato in atti si rileva inoltre che, in data 28 marzo 2012, il P.M. Dott. Caperna dovrebbe essersi recato, per procedere alla perquisizione, nei locali individuati quali studi dell'Avv. (omissis), siti in Roma Via Maria Cristina, 2 e Via Statilio Tauro 7.

5) Dall'esame del fascicolo presso l'Ufficio Disciplina si rileva, ancora che, in data 18 aprile 2012, il Presidente Vaglio ha delegato il Consigliere Bruni per l'attività istruttoria relativa a detto fascicolo e che in data 19 aprile 2012 l'Ufficio Disciplina ha provveduto ad inviare all'Avv. (omissis) una RR, a firma del Presidente Vaglio, con l'invito a depositare una memoria relativamente ai fatti su evidenziati. In data 15 maggio 2012 l'Avv. (omissis) ha dato riscontro alla lettera del Consiglio, precisando di essere estraneo ai fatti contestati.

6) Detto fascicolo non contiene altra documentazione e nessuna attività istruttoria è stata espletata dal Consigliere Delegato.

Il Consigliere Condello ricorda, infine, al Consiglio che in data 27 giugno 2012 la Guardia di Finanza ha richiesto l'elenco degli Avvocati iscritti ai sensi dell'art. 30 L.P., unitamente ai documenti comprovanti i requisiti stabiliti dalla legge ed ha precisato che sono in corso ulteriori indagini investigative. Il Consigliere Mazzoni, all'adunanza del 25 ottobre 2012 ha relazionato il Consiglio su detta richiesta.

Il Consigliere Condello, con riferimento a quanto rilevato all'esame di detto fascicolo, evidenzia al Consiglio:

1) che agli atti non risulta esserci la richiesta del P.M. Dott. Caperna ai sensi dell'art. 103 c.p.p.;

2) che agli atti non risulta copia dell'estratto del verbale con la comunicazione in adunanza della perquisizione effettuata negli studi dell'Avv. (omissis) da parte di un P.M.;

3) che non vi è alcuna comunicazione relativa alla partecipazione da parte del Presidente o di un Suo Consigliere delegato alle operazioni di perquisizione effettuate dal P.M. Caperna il giorno 28 marzo 2012, nei locali di Via Statilio Tauro 7 e di Via Maria Cristina 2, individuati dalla Guardia di Finanza quali luoghi in cui (omissis) svolge l'attività professionale di avvocato;

4) che agli atti è presente una comunicazione inviata via email dal Consigliere Santini all'Ufficio Disciplina, con allegato il provvedimento del P.M., che non risulta essere stata comunicata nelle adunanze del Consiglio;

5) che sono in corso altre indagini da parte della Guardia di Finanza su detta questione e, pertanto, è necessario evidenziare gli eventuali problemi relativi alle autocertificazioni richieste dall'Ufficio Iscrizioni.

Il Consigliere Condello, con riferimento a quanto emerso, invita il Presidente Vaglio e il Consigliere Segretario Di Tosto a relazionare in adunanza sulle circostanze sub 1, 2, 3, 4 e 5 al fine di rendere edotti i Consiglieri su quanto è avvenuto in detta procedura.

Il Consigliere Condello invita, inoltre, il Consigliere Santini a relazionare in adunanza sulla comunicazione di cui al punto sub 4, sui rapporti da lui intrattenuti con l'Avv. (omissis) e su quanto è avvenuto durante l'accesso del P.M. e della Polizia Giudiziaria in Via Maria Cristina 2.

Il Consigliere Mazzoni, relativamente alla posizione del Signor (omissis), comunica di aver sollecitato l'Ufficio Iscrizioni al reperimento della certificazione postale relativa alla notifica allo stesso effettuata ai fini della comunicazione dell'annullamento dell'iscrizione.

L'Ufficio Iscrizioni provvederà a contattare l'Ufficio Postale di Roma Prati per la verifica dell'attuale stato della notifica.

Il Consigliere Mazzoni dichiara che nell'adunanza del 25 ottobre 2012 ha relazionato il Consiglio su detta richiesta.

Il Consiglio prende atto e rinvia ad altra adunanza.
omissis

Adunanza del 15 Novembre 2012 - verbale sul sito: nessuna risposta

Adunanza del 20 Novembre 2012 - verbale sul sito: nessuna risposta

segue in attesa di comunicazioni alle prossime adunanze

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati