Disposizioni generali - indegnita' di succedere - rilevabilità d'ufficio - esclusione - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 5411 del 25/02/2019

Successioni "mortis causa" - disposizioni generali - indegnita' di succedere - rilevabilità d'ufficio - esclusione - fondamento - momento di efficacia - individuazione - rilevanza processuale - mera deduzione difensiva- fattispecie.

L'indegnità a succedere prevista dall'art. 463 c.c., pur essendo operativa "ipso iure", non è rilevabile d'ufficio, ma deve essere dichiarata su domanda dell'interessato, atteso che essa non è uno "status" del soggetto, né un'ipotesi di incapacità all'acquisto dell'eredità, ma una qualifica di un comportamento che si sostanzia in una sanzione civile di carattere patrimoniale avente un fondamento pubblicistico e dà luogo ad una causa di esclusione dalla successione; pertanto, essendo effetto di una pronuncia di natura costitutiva, può aversi per verificata soltanto al momento del passaggio in giudicato della relativa sentenza. Se tale giudicato si forma quando sia pendente in grado di appello un diverso giudizio avente ad oggetto la pretesa di un creditore del "de cuius", la negazione della qualità di erede operata dal convenuto, in ragione della suddetta indegnità, è una mera deduzione difensiva su un fatto costitutivo della domanda attrice, l'inammissibilità della quale va valutata ai sensi dell'art. 345, comma 2, c.p.c. (Nella specie, l'art. 345 citato era applicabile "ratione temporis" nella formulazione anteriore alla novella di cui all'art. 52 della l. n. 353 del 1990).

Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 5411 del 25/02/2019

Cod_Civ_art_0463, Cod_Proc_Civ_art_345

indegnità a succedere

Stampa Email

eBook - manuali

Disposizioni generali - indegnita' di succedere - rilevabilità d'ufficio - esclusione - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 5411 del 25/02/2019 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Disposizioni generali - indegnita' di succedere - rilevabilità d'ufficio - esclusione - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 5411 del 25/02/2019 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati