Successione testamentaria - forma dei testamenti - testamento olografo

Successioni "mortis causa" - successione testamentaria - forma dei testamenti - testamento olografo - in genere - grafia - caratteristiche - abitualità e normalità - rilevanza - stampatello - valenza - ruolo del giudice - Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 31457 del 05/12/2018

L'abitualità e la normalità del carattere grafico adoperato non rientrano fra i requisiti formali del testamento olografo ai sensi dell'art. 602 c.c., benché assumano un pregnante valore probatorio nell'ottica dell'attribuzione della scheda al testatore. Pertanto, l'uso dello stampatello non può escludere di per sé l'autenticità della scrittura, pur se rappresenta, ove non sia giustificato dalle condizioni psico-fisiche o da abitudine del dichiarante o da altre contingenze, il cui esame è di esclusiva competenza del giudice di merito, un elemento significativo del quale tenere conto ai fini della valutazione di tale autenticità.

Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 31457 del 05/12/2018

 

Stampa Email

eBook - manuali

Successione testamentaria - forma dei testamenti - testamento olografo - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Successione testamentaria - forma dei testamenti - testamento olografo - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati