successione testamentaria - capacità - di testare

Successioni "mortis causa" - successione testamentaria - capacità - di testare - incapacità - in genere - distinzione fra incapacità permanente e temporanea del testatore - conseguenze in ordine al riparto dell'onere probatorio. Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 25053 del 10/10/2018

>>> In tema di annullamento del testamento, nel caso di infermità tipica, permanente ed abituale, l'incapacità del testatore si presume e l'onere della prova che il testamento sia stato redatto in un momento di lucido intervallo spetta a chi ne affermala validità; qualora, invece, detta infermità sia intermittente o ricorrente, poiché si alternano periodi di capacità e di incapacità, non sussiste tale presunzione e, quindi, la prova dell'incapacità deve essere data da chi impugna il testamento.

Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 25053 del 10/10/2018

Stampa Email

eBook - manuali

successione testamentaria - capacità - di testare - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

successione testamentaria - capacità - di testare - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati