Successioni "mortis causa" - disposizioni generali - indegnità di succedere - casi – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 24752 del 04/12/2015

Formazione e uso di testamento falso - Rilevanza - Limiti.

La formazione o l'uso sciente di un testamento falso è causa d'indegnità a succedere, se chi viene a trovarsi nella posizione d'indegno non provi di non aver inteso offendere la volontà del "de cuius", perché il contenuto della disposizione corrisponde a tale volontà e il "de cuius" aveva acconsentito alla compilazione della scheda da parte di lui nell'eventualità che non fosse riuscito a farla di persona ovvero che il "de cuius" aveva la ferma intenzione di provvedervi per evitare la successione "ab intestato".

Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 24752 del 04/12/2015

 

Stampa Email

eBook - manuali

Successioni "mortis causa" - disposizioni generali - indegnità di succedere - casi – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 24752 del 04/12/2015 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Successioni "mortis causa" - disposizioni generali - indegnità di succedere - casi – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 24752 del 04/12/2015 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati