successioni "mortis causa" - successione necessaria Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 23278 del 14/10/2013

reintegrazione della quota di riserva dei legittimari - azione di riduzione (lesione della quota di riserva) Successione regolata dal codice civile del 1865 - Disposizione testamentaria lesiva della legittima - Nullità - Esclusione - Inefficacia relativa al legittimario attore in riduzione. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 23278 del 14/10/2013

Anche nella successione "mortis causa" regolata dal codice civile del 1865, la disposizione testamentaria lesiva della legittima non è nulla, ma solo esposta a riduzione, conseguente all'accoglimento della domanda del legittimario pretermesso, e, dunque, inefficace nei confronti di quest'ultimo.

Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 23278 del 14/10/2013

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati