Successioni "mortis causa" - successione testamentaria - esecutori testamentari - funzioni - rappresentanza processuale – Sez. 2, Sentenza n. 14744 del 19/07/2016

Legittimazione attiva - Limiti - Impugnazione di atti dispositivi compiuti in vita dal "de cuius" - Esclusione - Fondamento.

L'esecutore testamentario è legittimato alle sole azioni relative all'esercizio del suo ufficio, finalizzato alla cura dell'esatta esecuzione delle disposizioni di ultima volontà del defunto (artt. 703 e 704 c.c.), sicché egli non è legittimato ad impugnare i negozi con i quali il defunto abbia disposto in vita dei propri beni.

Sez. 2, Sentenza n. 14744 del 19/07/2016

 

Stampa Email

eBook - manuali

Successioni "mortis causa" - successione testamentaria - esecutori testamentari - funzioni - rappresentanza processuale – Sez. 2, Sentenza n. 14744 del 19/07/2016 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Successioni "mortis causa" - successione testamentaria - esecutori testamentari - funzioni - rappresentanza processuale – Sez. 2, Sentenza n. 14744 del 19/07/2016 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati