successioni "mortis causa" - successione testamentaria - testamento in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 824 del 16/01/2014

vizi della volontà del testatore - dolo (captazione) - Prova indiziaria - Ammissibilità - Condizioni - Convivenza del beneficiario col testatore - Sufficienza - Esclusione. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 824 del 16/01/2014

In tema di impugnazione della disposizione testamentaria che si assuma effetto di dolo, la prova della captazione, pur potendo essere presuntiva, deve fondarsi su fatti certi che consentano di identificare e ricostruire l'attività captatoria e la conseguente influenza determinante sul processo formativo della volontà del testatore, non potendosi tale prova desumere unicamente dal fatto che il beneficiario (nella specie, figlio del testatore) convivesse col "de cuius".
Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 824 del 16/01/2014

Stampa Email

eBook - manuali

successioni "mortis causa" - successione testamentaria - testamento in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 824 del 16/01/2014 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

successioni "mortis causa" - successione testamentaria - testamento in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 824 del 16/01/2014 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati