Spese giudiziali civili - condanna alle spese - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 18564 del 03/09/2014

Condanna alle spese processuali emessa con sentenza poi riformata - Pagamento effettuato al difensore non distrattario - Domanda di restituzione - Legittimazione passiva del lavoratore - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 18564 del 03/09/2014

Il pagamento effettuato direttamente al difensore, non indicato come distrattario, delle spese processuali attribuite al lavoratore con una sentenza di condanna poi riformata, non elide l'obbligo del lavoratore al rimborso, in quanto unico legittimato passivo rispetto alla domanda di restituzione dell'importo corrisposto.
Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 18564 del 03/09/2014
Cod_Proc_Civ_Art_093, Cod_Proc_Civ_Art_336, Cod_Proc_Civ_Art_389

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati