Procedimento civile - difensori - mandato alle liti (procura) - rilasciato all'estero – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 30035 del 29/12/2011

Procura speciale rilasciata all'estero - Validità - Condizioni - Uso della lingua italiana - Necessità - Esclusione - Fondamento.

È valida la procura alle liti conferita per atto pubblico rogato da notaio in un paese aderente alla convenzione dell'Aja 5 ottobre 1961, corredato dalla cd. "apostille", contestualmente autenticata, ancorchè non in lingua italiana, in quanto l'art.122, primo comma, cod. proc. civ. prescrivendone l'uso, si riferisce agli atti endoprocessuali e non pure a quelli prodromici, per i quali vige il principio generale della traduzione in lingua italiana a mezzo di esperto.

Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 30035 del 29/12/2011

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati