Procedimento civile - interruzione del processo - perdita della capacità processuale di una delle parti – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 2707 del 10/02/2005

Dichiarazione dell'evento interruttivo da parte del procuratore - Natura negoziale - Conseguenze - Inequivocità - Attività meramente informativa esplicita o implicita - Sufficienza - Esclusione - Fattispecie.

La dichiarazione da parte del procuratore dell'evento interruttivo, di cui all'art. 300, primo comma, cod. proc. civ., dev'essere inequivoca, giacché assume il valore di una vera e propria dichiarazione negoziale, diretta esplicitamente a provocare l'interruzione. Ne consegue che una qualsiasi attività meramente informativa ed a maggior ragione un'attività informativa del tutto implicita - quale la produzione di un documento da parte del procuratore, dal quale si evinca un evento interruttivo (nella specie la morte) riguardante la parte - deve ritenersi del tutto inidonea ad integrare una dichiarazione finalizzata alla provocazione dell'interruzione.

Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 2707 del 10/02/2005

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati