Titoli di credito - assegno bancario - non trasferibile – Corte di Cassazione, Sez. U -, Sentenza n. 12477 del 21/05/2018

Responsabilità della banca - Pagamento di assegno non trasferibile a persona diversa dal prenditore - Prova della non imputabilità dell’inadempimento - Ammissibilità.

Ai sensi dell'art. 43, comma 2, del r.d. n. 1736 del 1933 (c.d. legge assegni), la banca negoziatrice chiamata a rispondere del danno derivato – per errore nell'identificazione del legittimo portatore del titolo – dal pagamento dell'assegno bancario, di traenza o circolare, munito di clausola non trasferibilità a persona diversa dall'effettivo beneficiario, è ammessa a provare che l'inadempimento non le è imputabile, per aver essa assolto alla propria obbligazione con la diligenza richiesta dall'art. 1176, comma 2, c.c.

Corte di Cassazione, Sez. U -, Sentenza n. 12477 del 21/05/2018

 

Stampa Email

eBook - manuali

Titoli di credito - assegno bancario - non trasferibile – Corte di Cassazione, Sez. U -, Sentenza n. 12477 del 21/05/2018 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Titoli di credito - assegno bancario - non trasferibile – Corte di Cassazione, Sez. U -, Sentenza n. 12477 del 21/05/2018 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati