Atti amministrativi - interpretazione – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10271 del 18/05/2016

Attività riservata al giudice di merito - Sindacabilità in sede di legittimità - Limiti.

L'interpretazione degli atti amministrativi è riservata al giudice di merito, il cui apprezzamento è sindacabile in sede di legittimità per violazione dei criteri di ermeneutica contrattuale ovvero per vizi di motivazione ove illogica od incongrua, sì da non consentire il controllo del procedimento logico adottato, senza, che, peraltro, l'interpretazione fornita debba essere l'unica o quella astrattamente migliore, ferma la necessità che la parte specifichi, nelle sue censure, i canoni ermeneutici in concreto violati e in quale modo e con quali considerazioni il giudice di merito se ne sia discostato.

Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10271 del 18/05/2016

 

Stampa Email

eBook - manuali

Atti amministrativi - interpretazione – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10271 del 18/05/2016 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Atti amministrativi - interpretazione – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10271 del 18/05/2016 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati