Previdenza (assicurazioni sociali) - assicurazione per l'invalidità, vecchiaia e superstiti - assicurazione - prosecuzione volontaria - Corte di Cassazione, Sez. L - , Sentenza n. 11241 del 24/04/2019 (Rv. 653743 - 01)

Facoltà dell'assicurato - Esercizio - Domanda di autorizzazione - Efficacia - Decorrenza legale ex art. 7 del d.P.R. n. 1432 del 1971 - Esclusione - Data di presentazione della domanda - Configurabilità - Sussistenza - Fondamento.

La contribuzione volontaria, ai sensi dell'art. 1, comma 8, della l. n. 243 del 2004, come modificato dall'art. 1, comma 2, lett. c) della l. n. 247 del 2007, è un diritto potestativo dell'assicurato i cui effetti decorrono legalmente dal momento della presentazione della domanda da parte dell'interessato, essendo attribuito all'ente previdenziale un potere meramente ricognitivo, senza che rilevi la data fissata dal legislatore per il versamento dei contributi, ai sensi dell'art. 7 del d.P.R. n. 1432 del 1971.

Corte di Cassazione, Sez. L - , Sentenza n. 11241 del 24/04/2019 (Rv. 653743 - 01)

Stampa