Prova civile - consulenza tecnica - poteri del giudice - valutazione della consulenza d'ufficio - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 326 del 13/01/2020 (Rv. 656801 - 01)

Nomina del c.t.u. - Potere discrezionale del giudice - Diniego -Motivazione implicita - Ammissibilità.

La consulenza tecnica d'ufficio è mezzo istruttorio diverso dalla prova vera e propria, sottratto alla disponibilità delle parti e affidato al prudente apprezzamento del giudice di merito, rientrando nel suo potere discrezionale la valutazione di disporre la nomina dell'ausiliario e potendo la motivazione dell'eventuale diniego del giudice di ammissione del mezzo essere anche implicitamente desumibile dal contesto generale delle argomentazioni svolte e dalla valutazione del quadro probatorio unitariamente considerato.

Corte di Cassazione, Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 326 del 13/01/2020 (Rv. 656801 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Proc_Civ_art_061, Cod_Proc_Civ_art_191

CONSULENZA TECNICA

VALUTAZIONE DELLA CONSULENZA

 

Stampa