• Banca Dati
  • Giurisprudenza (Cassazione - Consiglio nazionale forense)
  • Massime catalogate per materie/argomenti
  • Prova civile
  • prova civile - documentale (prova) - libri e scritture contabili - valore probatorio - tra imprenditori – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 26216 del 06/12/2011

prova civile - documentale (prova) - libri e scritture contabili - valore probatorio - tra imprenditori – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 26216 del 06/12/2011

Efficacia di piena prova - Esclusione - Valutazione del giudice ex art. 116 cod. proc. civ. - Necessità - Insindacabilità relativa - Limiti. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 26216 del 06/12/2011

Le scritture contabili, pur se regolarmente tenute, non hanno valore di prova legale a favore dell'imprenditore che le ha redatte, spettando sempre la loro valutazione al libero apprezzamento del giudice, ai sensi dell'art. 116, primo comma, cod. proc. civ., la cui valutazione, se congruamente motivata, è insindacabile in sede di legittimità.

Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 26216 del 06/12/2011

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati