Procedimento civile - domanda giudiziale - interesse ad agire - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 1588 del 24/01/2020 (Rv. 656692 - 01)

Esecuzione spontanea di un provvedimento giudiziario - Sopravvenuto difetto di interesse ad agire nel giudizio di impugnazione - Presupposti - Pagamento degli accessori maturati successivamente al provvedimento - Rilevanza - Esclusione.

L'esecuzione spontanea di un provvedimento giudiziario determina il sopravvenuto difetto di interesse ad agire nel giudizio di impugnazione soltanto se accompagnata dal riconoscimento -anche implicito purché inequivoco - della fondatezza della domanda, riconoscimento non ravvisabile nel caso di pagamento degli accessori (interessi e spese) maturati dopo la formazione del provvedimento, in quanto integrante dovuto adempimento del titolo provvisoriamente esecutivo.

Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Ordinanza n. 1588 del 24/01/2020 (Rv. 656692 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Proc_Civ_art_100

PROCEDIMENTO CIVILE

DOMANDA GIUDIZIALE

INTERESSE AD AGIRE

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati