Facoltà di intervento “rebus sic stantibus”

Procedimento civile - intervento in causa di terzi - volontario – principale - facoltà di intervento “rebus sic stantibus” - art. 268, comma 2, c.p.c. - questione di legittimità costituzionale per contrasto con gli artt. 3, 24 e 111 cost. - manifesta infondatezza - fondamento. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 24529 del 05/10/2018

>>> È manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 268, comma 2, c.p.c., in riferimento agli artt. 3, 24 e 111 Cost., dal momento che la necessità per il terzo, che intervenga in un processo già iniziato, di parteciparvi"rebus sic stantibus", senza poter incidere sullo sviluppo delle fasi processuali, non costituisce ostacolo alla tutela effettiva del suo diritto, essendogli consentito di far valere le proprie ragioni, in condizione di piena eguaglianza con le altre parti,mediante la proposizione di un autonomo giudizio o dell'opposizione ex art. 404 c.p.c..

Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 24529 del 05/10/2018

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati