Prescrizione civile - interruzione - atti interruttivi - riconoscimento del diritto - Corte di Cassazione Sez. 2 - , Sentenza n. 11803 del 18/06/2020 (Rv. 658444 - 01)

Riconoscimento del diritto - Requisito della "esternazione" - Necessità - Fondamento - Fattispecie.

Ai fini della interruzione della prescrizione, il riconoscimento del diritto, è configurabile in presenza, non solo, dei requisiti della volontarietà, della consapevolezza, della inequivocità e della recettizietà, ma anche dell'esternazione, in quanto funzionale a manifestare alla controparte del rapporto la portata ricognitiva alla base dell'effetto interruttivo. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza d'appello, che aveva ritenuto che una delibera di giunta con cui un'Amministrazione provinciale aveva comunicato a due professionisti di voler corrispondere loro un importo non avesse effetto interruttivo riguardo all'esercizio dell'azione 2041 c.c., trattandosi del riconoscimento di un diritto, alla prestazione contrattuale, differente rispetto a quello, all'indennizzo per ingiustificato arricchimento, per cui era stata eccepita la prescrizione).

Corte di Cassazione Sez. 2 - , Sentenza n. 11803 del 18/06/2020 (Rv. 658444 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Civ_art_2041, Cod_Civ_art_2944

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati