Opere pubbliche (appalto di) - esecuzione dell'opera - lavori extracontrattuali – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 17146 del 17/08/2016

Variante dell'opera appaltata su richiesta dell'Amministrazione - Importo superiore di oltre un quinto rispetto all'importo globale stabilito - Obbligo dell'appaltatore - Sussistenza - Esclusione - Conseguenze.

In tema di appalto pubblico ed in applicazione dell'art. 344 della l. n. 2248 del 1865, all. F, nonché dell'art. 14 del d.P.R. n. 1063 del 1962, qualora l'Amministrazione appaltante richieda lavori diversi da quelli considerati in contratto, in variante dell'opera appaltata, per un importo di oltre un quinto rispetto a quello globalmente stabilito (e non in relazione al prezzo di singole categorie di lavori), la richiesta medesima non si correla ad un potere dell'Amministrazione cui corrisponda un obbligo dell'appaltatore, il quale, pertanto, a fronte della richiesta della committente, può scegliere se recedere dal contratto oppure proseguire i lavori, dichiarando per iscritto anche, ed eventualmente, a quali le condizioni.

Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 17146 del 17/08/2016

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati