impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - motivi del ricorso - vizi di motivazione – Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 2089 del 30/01/2014

Sentenza di divorzio - Dedotto pregiudizio al diritto di un coniuge, quale cattolico praticante, di sottoporre la questione unicamente o pregiudizialmente al tribunale ecclesiastico - Ammissibilità del motivo - Esclusione - Fondamento. Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 2089 del 30/01/2014

famiglia - matrimonio - scioglimento - divorzio - in genere - in genere. corte di cassazione sez. 6 - 1, ordinanza n. 2089 del 30/01/2014

E inammissibile il motivo di ricorso per cassazione con il quale si denunzi la violazione del diritto del coniuge, quale cattolico praticante, a sottoporre esclusivamente al tribunale rotale la questione dello scioglimento del suo matrimonio, atteso che nell'ordinamento giuridico italiano non sussiste alcun diritto di tal fatta, né un rapporto di pregiudizialità tra il giudizio di nullità del matrimonio concordatario e quello avente ad oggetto la cessazione degli effetti civili dello stesso, trattandosi di procedimenti autonomi, sfocianti in decisioni di natura diversa ed aventi finalità e presupposti distinti.

Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 2089 del 30/01/2014

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati