Print Friendly, PDF & Email

Legge straniera - conoscenza da parte del giudice - cooperazione delle parti - cognizione dell'intera normativa - necessita.*

Il giudice italiano, che ai sensi dell'art. 25 delle preleggi debba applicare la legge straniera, puo o conoscerla direttamente, o procurarsene la conoscenza, cooperando a tal fine anche con le parti in causa. Detta cognizione deve comprendere tutte le norme che regolano la materia controversa (thema decidendum) ed, ove cio non sia possibile, dovra applicare 'in toto' la legge italiana, non potendosi far luogo ad applicazione frammentaria dei due ordinamenti giuridici. ( Conf. 1089-59).*

Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 237 del 29/01/1964

 

Accedi

Online ora

342 visitatori e 3 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile