credito - istituti o enti di credito - altre aziende di credito - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1065 del 20/01/2014

Vigilanza e controllo - Art. 21, comma 1, lett. d), del T.U.F. - Questione di legittimità ex artt. 3 e 25 Cost. - Manifesta infondatezza. - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1065 del 20/01/2014

L'art. 21, comma 1, lett. d), del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, imponendo ai prestatori di servizi ed attività d'investimento di "disporre di risorse e procedure, anche di controllo interno, idonee ad assicurare l'efficiente svolgimento dei servizi e delle attività", non risulta privo di criteri indicativi della condotta prescritta, atteso che gli obblighi imposti, pur atteggiandosi in modo elastico, sono chiaramente individuabili, in un contesto caratterizzato dall'esigenza di massima tutela del risparmiatore, derivandone la manifesta infondatezza della questione di legittimità in riferimento agli artt. 3 e 25 Cost.

Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1065 del 20/01/2014

Stampa Email

eBook - manuali

credito - istituti o enti di credito - altre aziende di credito - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1065 del 20/01/2014 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

credito - istituti o enti di credito - altre aziende di credito - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1065 del 20/01/2014 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati