Atti di concorrenza - confusione di prodotti e attività - imitazione servile

Concorrenza (diritto civile) - sleale - atti di concorrenza - confusione di prodotti e attività - imitazione servile - atto di concorrenza sleale - configurabilità - limiti - diritti derivanti da brevetto - violazione - denuncia - brevetto - nullità - declaratoria – conseguenze - Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 30501 del 23/11/2018

L'imitazione servile del prodotto dell'impresa concorrente può configurare, qualora ricorrano certi presupposti, un atto di concorrenza sleale, e determinare l'obbligazione del risarcimento del danno pur se il prodotto imitato non costituisca oggetto di privativa o di valida privativa. Qualora la concorrenza sleale venga, peraltro, denunciata come consistente soltanto nella violazione dei diritti derivanti dal brevetto, la declaratoria di nullità di quest'ultimo esclude ogni ipotesi di illecito concorrenziale.

Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 30501 del 23/11/2018

 

Stampa Email

eBook - manuali

Atti di concorrenza - confusione di prodotti e attività - imitazione servile - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Atti di concorrenza - confusione di prodotti e attività - imitazione servile - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati