• Banca Dati
  • Giurisprudenza (Cassazione - Consiglio nazionale forense)
  • Massime catalogate per materie/argomenti
  • Comodato
  • comodato - comodatario - restituzione della cosa - azioni esperibili dal comodante - corte di cassazione, sez. 2, sentenza n. 2726 del 05/02/2013

comodato - comodatario - restituzione della cosa - azioni esperibili dal comodante - corte di cassazione, sez. 2, sentenza n. 2726 del 05/02/2013

Rivendicazione e azione contrattuale - Potere del giudice di mutare il titolo - Sussistenza - Esclusione - Esercizio dell'azione contrattuale - Onere probatorio dell'attore - Oggetto - Eccezione di usucapione - Irrilevanza. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 2726 del 05/02/2013

Il comodante può avvalersi, per conseguire il rilascio del bene dato in comodato, sia dell'azione di rivendica, che dell'azione contrattuale, ma, non essendo facoltà del giudice mutare "ex officio" il titolo della pretesa, la controversia va decisa con esclusivo riferimento al titolo dedotto dall'interessato; in caso di azione contrattuale, l'attore ha l'onere di provare non la proprietà del bene, ma l'esistenza del contratto di comodato, anche se il convenuto abbia sollevato un'eccezione di usucapione in proprio favore, tale pretesa non essendo idonea a trasformare in reale l'azione personale esercitata.
Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 2726 del 05/02/2013

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati