2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online logo 2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online foro_rivista

531 visitatori e 6 utenti online

2229. Esercizio delle professioni intellettuali.

Codice Civile Libro Quinto: DEL LAVORO Titolo III: DEL LAVORO AUTONOMO Capo II: DELLE PROFESSIONI INTELLETTUALI Art.2229. Esercizio delle professioni intellettuali.

Art. 2229. Esercizio delle professioni intellettuali.

1. La legge determina le professioni intellettuali per l'esercizio delle quali è necessaria l'iscrizione in appositi albi o elenchi.

2. L'accertamento dei requisiti per l'iscrizione negli albi o negli elenchi, la tenuta dei medesimi e il potere disciplinare sugli iscritti sono demandati [alle associazioni professionali] (1), sotto la vigilanza dello Stato, salvo che la legge disponga diversamente.

3. Contro il rifiuto dell'iscrizione o la cancellazione dagli albi o elenchi, e contro i provvedimenti disciplinari che importano la perdita o la sospensione del diritto all'esercizio della professione è ammesso ricorso in via giurisdizionale nei modi e nei termini stabiliti dalle leggi speciali.

(1) Le norme corporative sono state abrogate con R.D.L. 9 agosto 1943, n. 721.

________________________________________________________

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Lavoro - lavoro autonomo (nozione, caratteri, distinzioni) - contratto d'opera (nozione, caratteri, differenze dall'appalto, distinzioni) - professioni intellettuali - compenso (onorario) - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 16213 del 28/06/2017
Contratto di progettazione di un'opera pubblica - Clausola contrattuale subordinante l'erogazione del compenso al finanziamento dell'opera - Nullità - Esclusione - Fondamento - Contrasto con l'art. 36 Cost. - Esclusione - Ragioni. La clausola con cui, in una convenzione tra un ente pubblico territoriale ed un ingegnere al quale il primo abbia affidato la progettazione di un'opera pubblica, il pagamento del compenso per la prestazione resa è condizionato alla concessione di un finanziamento per la realizzazione dell'opera, è valida, in quanto non si pone in contrasto col principio di inderogabilità dei minimi tariffari, previsto dalla l. n. 340 del 1976; né tale clausola, espressione dell'autonomia negoziale delle parti, snatura la causa della prestazione, incidendo sul sinallagma contrattuale né, ancora, è invocabile, in senso ostativo a tale validità, il precetto di cui all'art. 36 Cost., che non trova applicazione al rapporto di lavoro autonomo. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 16213 del 28/06/2017  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Lavoro - lavoro autonomo (nozione, caratteri, distinzioni) - contratto d'opera (nozione, caratteri, differenze dall'appalto, distinzioni) - professioni intellettuali - compenso (onorario) - divieto di ritenzione - Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n.
Conferimento dell'incarico a due professionisti - Compenso per le rispettive prestazioni professionali - Liquidazione in modo unitario – Inammissibilità. Il carattere rigorosamente personale delle prestazioni professionali, e della relativa responsabilità, desumibile dalla disciplina dettata per il lavoro autonomo e dalle disposizioni di cui agli artt. 1 e 2 della l. n. 1815 del 1939, non trova deroga nel caso di contestuale conferimento dell’incarico a due professionisti, ove specificamente espresso con riguardo alle rispettive ed autonome prestazioni in ragione delle diverse competenze professionali, con la conseguenza che un siffatto incarico deve ritenersi conferito ai singoli professionisti e per l'effetto il compenso dovuto per le rispettive prestazioni professionali non può essere liquidato in modo unitario, bensì a ciascuno di essi con riferimento all'attività in concreto prestata. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 27350 del 29/12/2016  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Lavoro - lavoro autonomo - contratto d'opera - professioni intellettuali - prestazione d'opera intellettuale - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 15805 del 29/07/2016
Determinazione del compenso - Applicazione, alle prestazioni "non protette", delle tariffe previste per quelle "protette" - Ammissibilità - Condizioni - Fattispecie. Il corrispettivo della prestazione di esercizio di una professione "non protetta" (nella specie, relazione peritale in materia lavoristica) può essere stabilito dal giudice ai sensi dell'art. 2225 c.c. assumendo come parametro le tariffe vigenti per analoghe prestazioni di esercizio di una professione "protetta" (nella specie, tariffe dei dottori commercialisti). Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 15805 del 29/07/2016  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Assicurazione - assicurazione della responsabilità civile - in genere – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 12872 del 22/06/2015
Assicurazione della responsabilità civile professionale - Oggetto della garanzia - Commercialista con incarico di curatore fallimentare - Attività inclusa nel rischio professionale assicurato - Fondamento. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 12872 del 22/06/2015 Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - organi preposti al fallimento - curatore - obblighi - responsabilità - Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 12872 del 22/06/2015 Qualora il commercialista, nell'espletamento della attività di ausiliare di giustizia come curatore fallimentare, sia responsabile di danno ingiusto ai sensi degli artt. 2043 cod. civ. e 38, primo comma, legge fall., l'assicuratore della responsabilità civile per la sua attività professionale deve tenerlo indenne (salva espressa esclusione contrattuale), atteso che le funzioni di curatore fallimentare rientrano tra quelle previste dalla legge per il commercialista, che quale professionista intellettuale non esaurisce la sua attività nell'ambito del contratto di prestazione d'opera intellettuale, ma resta professionista privato anche quando espleta un incarico giudiziario (curatore fallimentare, consulente tecnico d'ufficio), in relazione al quale svolge pubblici poteri. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 12872 del 22/06/2015  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prescrizione civile - termine - prescrizioni presuntive - triennali – Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 13144 del 25/06/2015
Prescrizione dei crediti professionali - "Ratio" - Conseguenze - Applicazione a società che ha eseguito prestazione professionale nel regime previsto dal legislatore del 1942 - Esclusione. Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 13144 del 25/06/2015 La prescrizione presuntiva dei crediti dei professionisti, sancita dall'art. 2956, n. 2, cod. civ., si fonda sulla natura del contratto d'opera intellettuale, nel quale l'adempimento del cliente suole avvenire senza dilazione e senza quietanza scritta. Pertanto, essa non è opponibile alla società che abbia eseguito una prestazione professionale nel regime previsto dal legislatore del 1942 (ed anteriormente al mutamento del quadro normativo, avviato con la legge 7 agosto 1997, n. 266) quando le società potevano ricevere incarichi professionali (estranei alle attività "protette") solo con strumenti diversi dal contratto d'opera intellettuale, caratterizzato da personalità della prestazione. Corte di Cassazione Sez. U, Sentenza n. 13144 del 25/06/2015  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Fallimento ed altre procedure concorsuali - fallimento - ripartizione dell'attivo - ordine di distribuzione - creditori privilegiati – Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 443 del 14/01/2016
Ammissione al passivo richiesta da uno studio associato - Esclusione della personalità del rapporto d'opera professionale - Presunzione - Sussistenza - Conseguenze - Esclusione del privilegio ex art. 2751 bis, n. 2, c.c. - Prova contraria - Ammissibilità - Contenuto. La richiesta di insinuazione di un credito al passivo fallimentare, se proveniente da uno studio associato, lascia presumere l'esclusione della personalità del rapporto d'opera professionale da cui quel credito è derivato, e, dunque, l'insussistenza dei presupposti per il riconoscimento del privilegio ex art. 2751 bis, n. 2, c.c., salva l'allegazione e la prova di un accordo tra gli associati che, in deroga al modello normativo previsto dall'art. 25, comma 1, del d.lgs. n. 96 del 2001, preveda la cessione all'associazione del credito al compenso per la prestazione professionale svolta dal singolo associato, che ha, in tal caso, natura personale e, quindi, privilegiata. Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 443 del 14/01/2016  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Competenza per territorio - rapporti tra avvocato e cliente – responsabilità professionale - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 1464 del 24/01/2014
Rapporti tra cliente e avvocato - Qualità di consumatore del cliente - Configurabilità - Fondamento - Controversia in tema di responsabilità professionale - Foro competente - Residenza del consumatore - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 1464 del 24/01/2014 Nei rapporti tra avvocato e cliente quest'ultimo riveste la qualità di "consumatore", ai sensi dell'art. 3, comma 1, lettera a), del d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206, a nulla rilevando che il rapporto sia caratterizzato dall'"intuitu personae" e sia non di contrapposizione, ma di collaborazione (quanto ai rapporti esterni con i terzi), non rientrando tali circostanze nel paradigma normativo. Ne consegue che alla controversia tra cliente ed avvocato in tema di responsabilità professionale si applicano le regole sul foro del consumatore di cui all'art. 33, comma 2, lettera u), del d.lgs. n. 206 cit. Corte di Cassazione, Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 1464 del 24/01/2014  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10competenza civile - competenza per territorio - Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 1464 del 24/01/2014
Rapporti tra cliente e avvocato - Qualità di consumatore del cliente - Configurabilità - Fondamento - Controversia in tema di responsabilità professionale - Foro competente - Residenza del consumatore - Sussistenza. Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 1464 del 24/01/2014 Nei rapporti tra avvocato e cliente quest'ultimo riveste la qualità di "consumatore", ai sensi dell'art. 3, comma 1, lettera a), del d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206, a nulla rilevando che il rapporto sia caratterizzato dall'"intuitu personae" e sia non di contrapposizione, ma di collaborazione (quanto ai rapporti esterni con i terzi), non rientrando tali circostanze nel paradigma normativo. Ne consegue che alla controversia tra cliente ed avvocato in tema di responsabilità professionale si applicano le regole sul foro del consumatore di cui all'art. 33, comma 2, lettera u), del d.lgs. n. 206 cit. Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 1464 del 24/01/2014  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10pubblica amministrazione - contratti - in genere – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 7405 del 28/03/2014
Contratto di prestazione d'opera professionale per la progettazione di rete fognaria comunale - Pagamento del compenso subordinato al finanziamento dell'opera da parte di enti terzi - Condizione potestativa mista - Rispetto del dovere di buona fede ex art. 1358 cod. civ. in pendenza di condizione - Necessità - Mancata richiesta del finanziamento da parte del Comune - Conseguenze - Avveramento della condizione. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 7405 del 28/03/2014 Il Comune che, per la progettazione della propria rete fognaria, abbia agito "iure privatorum" (anziché avvalersi dei suoi poteri autoritativi), stipulando un contratto di prestazione d'opera professionale e subordinando il pagamento del compenso dei professionisti nominati all'avverarsi della condizione "potestativa mista" del conseguimento di un finanziamento da parte di enti terzi, è tenuto, in pendenza di condizione, a comportarsi secondo buona fede ai sensi dell'art. 1358 cod. civ. e, dunque, a richiedere il finanziamento per il quale è stata apposta la clausola sfavorevole alla controparte, al fine di non frustrare le possibilità di avveramento della condizione, non potendo più avere alcun rilievo le questioni relative alla attualità ovvero alla persistenza di un interesse pubblico alla redazione del progetto, già valutato al momento della stipula del negozio privatistico. Ne consegue che il comportamento omissivo del Comune implica, ex art. 1359 cod. civ., l'avveramento della condizione, con conseguente responsabilità contrattuale dello stesso, tenuto al pagamento del compenso in favore dei professionisti. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 7405 del 28/03/2014...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Avvocato e procuratore - onorari - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 2863 del 07/02/2014
Prestazioni professionali - Determinazione del compenso - Obbligazioni di mezzi e non di risultato - Limiti - Risultati e vantaggi conseguiti dal cliente - Rilevanza. Nella determinazione degli onorari dell'avvocato deve tenersi conto anche dei risultati e dei vantaggi conseguiti dal cliente, senza che tale valutazione costituisca violazione del principio per cui l'obbligazione del professionista è di mezzi e non di risultato. Corte di Cassazione, Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 2863 del 07/02/2014  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Lavoro - lavoro autonomo - contratto d'opera - professioni intellettuali - compenso (onorario) - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 2769 del 06/02/2014
Onerosità del contratto d'opera intellettuale - Essenzialità - Esclusione - Presunzione - Insussistenza. Le disposizioni degli artt. 2229 e seguenti cod. civ., che disciplinano il contratto d'opera intellettuale, non escludono la legittimità di accordi di prestazione gratuita, né determinano una presunzione di onerosità, nemmeno "iuris tantum". Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 2769 del 06/02/2014  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Competenza civile - competenza per territorio - diritti di obbligazione - foro facoltativo - luogo in cui l'obbligazione è sorta – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 26269 del 22/11/2013
Obbligazione di compenso ad avvocato - "Forum contractus" - Determinazione - Criteri. Quando l'obbligazione dedotta in giudizio abbia ad oggetto il compenso dovuto ad un avvocato, per determinare il "forum contractus" ex art. 20 cod. proc. civ. deve farsi riferimento, a norma dell'art. 1326 cod. civ., al luogo in cui è stato sottoscritto il mandato alle liti, avendo in esso il cliente avuto notizia certa dell'accettazione della sua proposta da parte dell'avvocato, che firma il mandato per autentica, mentre, qualora il mandato sia privo dell'indicazione del luogo di rilascio, deve darsi rilievo al luogo di sottoscrizione dell'atto di citazione, a margine del quale il mandato stesso si trovi. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 26269 del 22/11/2013  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Associazione in partecipazione - in genere (nozione, caratteri, distinzioni) – Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 13179 del 28/05/2010
Diritti ed obblighi dell'associato - Conferimento di apporto lavorativo - Partecipazione agli utili ed alle perdite d'impresa - Necessità - Fondamento. L'associazione in partecipazione ha, quale elemento causale indefettibile di distinzione dal rapporto di collaborazione libero-professionale, il sinallagma tra partecipazione al rischio d'impresa gestita dall'associante e conferimento dell'apporto lavorativo dell'associato. Ne consegue che l'associato il cui apporto consista in una prestazione lavorativa deve partecipare sia agli utili che alle perdite, non essendo ammissibile un contratto di mera cointeressenza agli utili di un'impresa senza partecipazione alle perdite, tenuto conto dell'espresso richiamo, contenuto nell'art. 2554, secondo comma cod. civ., all'art. 2102 cod. civ., il quale prevede la partecipazione del lavoratore agli utili "netti" dell'impresa. Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 13179 del 28/05/2010  ...
2229. Esercizio delle professioni intellettuali. - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Lavoro autonomo - contratto d'opera - professioni intellettuali - compenso (onorario) Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 18775 del 26/09/2005
Prestazioni professionali - compenso - Prova necessaria in sede di giudizio di cognizione - Vincolatività della parcella munita del parere del Consiglio dell'Ordine - Esclusione - Onere probatorio a carico della parte - Contenuto.  Mentre ai fini dell'emissione del decreto ingiuntivo a norma dell'art. 636 cod. proc. civ. la prova dell'espletamento dell'opera e dell'entità delle prestazioni può essere utilmente fornita con la produzione della parcella e del relativo parere della competente associazione professionale, tale documentazione non è più sufficiente nel giudizio di opposizione, il quale si svolge secondo le regole ordinarie della cognizione e impone al professionista, nella sua qualità di attore, di fornire gli elementi dimostrativi della pretesa, per consentire al giudice di merito di verificare le singole prestazioni svolte dal professionista stesso e la loro corrispondenza con le voci e gli importi indicati nella parcella. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 18775 del 26/09/2005  ...

________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati