0789. Inadempimento o ritardo nell'esecuzione - Foroeuropeo logo 0789. Inadempimento o ritardo nell'esecuzione - Foroeuropeo foro_rivista

404 visitatori e un utente online

0789. Inadempimento o ritardo nell'esecuzione

Codice Civile Libro Secondo: DELLE SUCCESSIONI Titolo V: DELLE DONAZIONI Capo III: DELLA FORMA E DEGLI EFFETTI DELLA DONAZIONE Art.789. Inadempimento o ritardo nell'esecuzione.

Art. 789. Inadempimento o ritardo nell'esecuzione.

1. Il donante, in caso d'inadempimento o di ritardo nell'eseguire la donazione, è responsabile soltanto per dolo o per colpa grave.

________________________________________________________

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

0789. Inadempimento o ritardo nell'esecuzione - Foroeuropeo freccia_27_10Divisione - divisione giudiziale - in genere - Scioglimento di comunione – Sentenze conclusive di incidenti cognitivi tipici – Natura – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1665 del 23/01/2017
Sentenza definitiva – Conseguenze – Regolamento delle spese di lite – Possibilità – Fondamento - Sspese giudiziali civili - "ius superveniens" - procedimenti speciali - divisione (giudizio di) In genere. In tema di giudizio di scioglimento della comunione, il giudice, nel risolvere con sentenza gli incidenti cognitivi tipici (quali le contestazioni sul diritto alla divisione, le controversie sulla necessità della vendita e le contestazioni sul progetto di divisione), ben può regolarne anche le spese di lite, trattandosi di provvedimenti potenzialmente definitivi perché, diversamente da quanto accade nel processo dichiarativo, quello di scioglimento della comunione non è fisiologicamente destinato a chiudersi con una decisione di merito. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 1665 del 23/01/2017  ...
0789. Inadempimento o ritardo nell'esecuzione - Foroeuropeo freccia_27_10Divisione - Divisione giudiziale - Operazioni - Progetto di divisione del giudice istruttore - Contestazioni - In genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 11227 del 23/10/1991
Conclusione con sentenza del giudizio di merito - Recepimento nella sentenza delle condizioni enunciate nel progetto - Impugnabilità della sentenza. Qualora nel procedimento di divisione siano insorte delle contestazioni in ordine al progetto di divisione ed il giudizio di merito si sia concluso con una sentenza, che di esse abbia tenuto variamente conto, recependo nella sostanza le condizioni già enunciate nel progetto, l'attribuzione dei beni ai condividenti trova origine non nell'eventuale accordo di questi ultimi bensì nel provvedimento autoritativo del giudice; provvedimento contro il quale (essendo esso suscettibile di acquisire efficacia di giudicato ed avendo specifico contenuto decisorio) le parti possono proporre impugnazione nei limiti e nei modi stabiliti dalla legge per le sentenze di merito. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 11227 del 23/10/1991  ...
0789. Inadempimento o ritardo nell'esecuzione - Foroeuropeo freccia_27_10Divisione - divisione ereditaria - fatta dal testatore – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 8049 del 08/08/1990
Norme per la formazione delle porzioni - esercizio della facoltà attribuita dal testatore ad uno degli eredi di scegliere i beni per detta formazione - deduzione nel corso del giudizio di divisione anche in secondo grado - limiti.* L'esercizio della facoltà attribuita dal testatore ad uno degli eredi di scegliere i beni con i quali formare le varie porzioni costituisce manifestazione di una volontà negoziale, che rivolta alle altre parti ed al giudice può essere fatto valere nel corso del giudizio di divisione anche in secondo grado, fino a che non sia stata emessa l'ordinanza non impugnabile che abbia dichiarato esecutivo il progetto di divisione ex art. 789, comma terzo, cod. proc. civ., o sia passata in giudicato la sentenza che abbia deciso sulle contestazioni insorte, trattandosi di Esercizio delle facoltà di carattere sostanziale spettanti alle parti in ordine ai diritti fatti valere in giudizio, le quali possono essere fatte valere finché non trovino insormontabile ostacolo in una pronuncia definitiva. ( V 1842/74, mass n 370056; ( V 257/73, mass n 362102).* Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 8049 del 08/08/1990  ...

________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

 

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati