0784. Donazione a nascituri - Foroeuropeo logo 0784. Donazione a nascituri - Foroeuropeo foro_rivista

676 visitatori e un utente online

0784. Donazione a nascituri

Codice Civile Libro Secondo: DELLE SUCCESSIONI Titolo V: DELLE DONAZIONI Capo III: DELLA FORMA E DEGLI EFFETTI DELLA DONAZIONE Art.784. Donazione a nascituri.

Art. 784. Donazione a nascituri.

1. La donazione può essere fatta anche a favore di chi è soltanto concepito, ovvero a favore dei figli di una determinata persona vivente al tempo della donazione, benché non ancora concepiti.

2. L'accettazione della donazione a favore di nascituri, benché non concepiti, è regolata dalle disposizioni degli articoli 320 e 321.

3. Salvo diversa disposizione del donante, l'amministrazione dei beni donati spetta al donante o ai suoi eredi, i quali possono essere obbligati a prestare idonea garanzia. I frutti maturati prima della nascita sono riservati al donatario se la donazione è fatta a favore di un nascituro già concepito. Se è fatta a favore di un non concepito, i frutti sono riservati al donante sino al momento della nascita del donatario.

________________________________________________________

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

0784. Donazione a nascituri - Foroeuropeo freccia_27_10Comunione dei diritti reali - comproprietà indivisa - scioglimento - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 17094 del 27/07/2006
Ordine di rilascio di un bene in comproprietà "indivisa" - Ammissibilità - Esclusione - Fondamento. In un giudizio di rivendicazione che riguardi una quota ideale di un bene in comproprietà "pro indiviso", non può essere ordinato il rilascio della quota, ma il giudice deve limitarsi alla declaratoria della titolarità da parte del rivendicante della predetta comunione per la quota indicata, atteso che è necessario prima procedere alla concretizzazione della quota in una porzione determinata attraverso la divisione del bene stesso, con la partecipazione necessaria di tutti i comproprietari. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 17094 del 27/07/2006  ...
0784. Donazione a nascituri - Foroeuropeo freccia_27_10Divisione - Divisione giudiziale - Operazioni - Progetto di divisione del giudice istruttore - Contestazioni - In genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 11227 del 23/10/1991
Conclusione con sentenza del giudizio di merito - Recepimento nella sentenza delle condizioni enunciate nel progetto - Impugnabilità della sentenza. Qualora nel procedimento di divisione siano insorte delle contestazioni in ordine al progetto di divisione ed il giudizio di merito si sia concluso con una sentenza, che di esse abbia tenuto variamente conto, recependo nella sostanza le condizioni già enunciate nel progetto, l'attribuzione dei beni ai condividenti trova origine non nell'eventuale accordo di questi ultimi bensì nel provvedimento autoritativo del giudice; provvedimento contro il quale (essendo esso suscettibile di acquisire efficacia di giudicato ed avendo specifico contenuto decisorio) le parti possono proporre impugnazione nei limiti e nei modi stabiliti dalla legge per le sentenze di merito. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 11227 del 23/10/1991  ...
0784. Donazione a nascituri - Foroeuropeo freccia_27_10Capacità della persona fisica - capacita giuridica – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 3467 del 28/12/1973
Del nascituro non concepito - normativa - carattere eccezionale - interpretazione estensiva - esclusione.* Le Disposizioni di legge che, in deroga al principio generale dettato dal primo comma dell'art 1 cod civ, prevedono la tutela dei diritti del nascituro sono da considerare Disposizioni di carattere eccezionale e come tali di stretta interpretazione.* Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 3467 del 28/12/1973  ...

________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati