0773. Donazione a più donatari - Foroeuropeo logo 0773. Donazione a più donatari - Foroeuropeo foro_rivista

546 visitatori e 7 utenti online

0773. Donazione a più donatari

Codice Civile Libro Secondo: DELLE SUCCESSIONI Titolo V: DELLE DONAZIONI Capo I: DISPOSIZIONI GENERALI Art.773. Donazione a più donatari.

Art. 773. Donazione a più donatari.

1. La donazione fatta congiuntamente a favore di più donatari s'intende fatta per parti uguali, salvo che dall'atto risulti una diversa volontà.

2. È valida la clausola con cui il donante dispone che, se uno dei donatari non può o non vuole accettare, la sua parte si accresca agli altri.

________________________________________________________

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

0773. Donazione a più donatari - Foroeuropeo freccia_27_10Tributi erariali indiretti - imposta di registro - donazioni (e atti di liberalità) - in genere – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 1503 del 03/04/1978
Attribuzione a più donatari distinti di quote di un unico bene - pluralità di distinte donazioni - configurabilità - unicità dello strumento negoziale - rilevanza - obbligazione tributaria solidale di tutti i contraenti - sussistenza - pluralità di strumenti negoziali - distinzione dei rapporti tributari - conseguenze.* Qualora il donante attribuisca a più soggetti, considerati non come gruppo unitario, ma ciascuno come autonomo centro di interessi, e, quindi, parti distinte, quote, anche uguali, di un unico bene, si verificano tante distinte donazioni quanti sono i donatari, si siano esse o meno perfezionate in un unico strumento negoziale. Tale ultima circostanza, peraltro, e rilevante ai fini dell'imposta di registro. Infatti, mentre nel caso di unicità dell'atto l'imposta e dovuta in relazione a ciascuna delle donazioni ma la registrazione determina l'insorgere a carico di tutti i contraenti di un'obbligazione tributaria solidale, avente ad oggetto il pagamento dell'intero importo del tributo relativo all'atto stesso; per contro nel caso di donazioni perfezionatesi in strumenti diversi (nella specie, perchè accettate da alcuni donatari con lo stesso atto contenente la dichiarazione del donante e da altri con rogito separato), la registrazione da vita a distinti rapporti tributari, a ciascuno dei quali partecipano, dal lato passivo, con il vincolo della solidarietà, il donante ed i donatari che abbiano accettato con il medesimo atto. Da ciò consegue che, nella seconda delle indicate ipotesi l'accertamento del valore delle quote del bene donato deve essere compiuto e notificato separatamente ai soggetti passivi delle distinte obbligazioni tributarie solidali e che le vicende di uno dei rapporti tributari, ivi comprese quelle attinenti all'accertamento, non possono spiegare influenza sull'altro.* Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 1503 del 03/04/1978  ...

________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati