Indebito oggettivo - Corte di Cassazione, Sentenza n. 15895 del 13/06/2019

interessi – decorrenza – dalla domanda giudiziale o dagli atti stragiudiziali di costituzione in mora – configurabilità.

Le Sez. U. hanno affermato che, ai fini del decorso degli interessi in ipotesi di ripetizione di indebito oggettivo, il termine “domanda” di cui all’art. 2033 c.c., non va inteso come riferito esclusivamente alla domanda giudiziale ma comprende, anche, gli atti stragiudiziali aventi valore di costituzione in mora, ai sensi dell’art. 1219 c.c.

Corte di Cassazione, Sentenza n. 15895 del 13/06/2019

http://www.cortedicassazione.it/cassazione-resources/resources/cms/documents/15895_06_2019_no-index.pdf

Stampa