art.  8 - Responsabilità disciplinare della società (2014) - Foroeuropeo logo art.  8 - Responsabilità disciplinare della società (2014) - Foroeuropeo foro_rivista

288 visitatori e un utente online

Art. 8 - Responsabilità disciplinare della società - codice deontologico forense (2014)


Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

art.  8 - Responsabilità disciplinare della società (2014) - Foroeuropeo freccia_27_10responsabilità disciplinare del professionista - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 24 dicembre 2015, n. 202
L’appartenenza ad un ente di per sé non esclude l’eventuale responsabilità disciplinare del professionista - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 24 dicembre 2015, n. 202 Ove l’avvocato operi professionalmente all’interno di una società o associazione, l’appartenenza all’ente non lo esonera di per sè dalla responsabilità disciplinare per gli illeciti che dovesse materialmente commettere (art. 8 ncdf, art. 5, co. 2, lett. l, L. n. 247/2012). Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 24 dicembre 2015, n. 202...
art.  8 - Responsabilità disciplinare della società (2014) - Foroeuropeo freccia_27_10condotta irreprensibile (già specchiatissima e illibata)
condotta irreprensibile (già specchiatissima e illibata) Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 febbraio 2014, n. 8 Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 febbraio 2014, n. 8 Ai fini della valutazione del requisito della condotta irreprensibile (già specchiatissima ed illibata), alcun rilievo può attribuirsi alla circostanza che le condotte criminose ascrivibili al richiedente l’iscrizione all’albo siano risalenti nel tempo, ove la sentenza definitiva abbia invece data recente e riguardi fatti di particolare gravità, tali cioè da dare luogo ad una valutazione negativa dell’attitudine del professionista a svolgere la delicata funzione di cooperazione alla funzione giudiziaria propria dell’attività del difensore (Nel caso di specie, pochi mesi dopo essere stato condannato in via definitiva per il reato di estorsione per fatti di alcuni anni prima, il praticante richiedeva al COA di appartenenza l’iscrizione all’albo degli avvocati. La domanda di iscrizione veniva rigettata per difetto del requisito della condotta specchiatissima ed illibata ex art.17 RDL 1978/33. In applicazione del principio di cui in massima, il CNF ha rigettato l’impugnazione proposta avverso la suddetta delibera del COA).  ...


 

 

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati