incompatibilita' - carica di amministratore straordinario di Unità Sanitaria Locale - Consiglio nazionale forense Parere del 20-06-2012, n. 42

parere in ordine al seguente quesito: "se la carica di amministratore straordinario di Unità Sanitaria Locale, istituita con D.L. 6.2.1991 n. 35 convertito con modificazioni in L. 4.4.1991 n. 11, sia da ritenersi incompatibile con l'esercizio della professione forense". Consiglio nazionale forense Parere  del 20-06-2012, n. 42

Consiglio nazionale forense Parere  del 20-06-2012, n. 42 Quesito del COA di Modena, rel. cons. Berruti


Il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Modena ha richiesto, con nota del 29 maggio 2012, parere in ordine al seguente quesito: "se la carica di amministratore straordinario di Unità Sanitaria Locale, istituita con D.L. 6.2.1991 n. 35 convertito con modificazioni in L. 4.4.1991 n. 11, sia da ritenersi incompatibile con l'esercizio della professione forense".

Osserva preliminarmente la Commissione che, ai fini del corretto inquadramento normativo della materia de qua, la normativa indicata nel quesito risulta abrogata ad effetto del D.L. 25 giugno 2008 n. 112 (convertito, con modificazioni, dalla L. 6 agosto 2008 n. 133) e che la disciplina legislativa di riferimento si individua nel Decreto Lgs. 30 dicembre 1992 n. 502, il cui art. 3, comma 1 bis ha comportato la trasformazione della Unità Sanitaria Locale, originariamente organo della regione, in Azienda "con personalità giuridica pubblica ed autonomia imprenditoriale". In considerazione di tale definizione, l'Azienda Sanitaria Locale viene comunemente inquadrata nella categoria degli enti pubblici economici.

L'amministratore straordinario (o, più propriamente, commissario straordinario) è l'organo apicale dell'ente che, sostituendo in virtù di provvedimento regionale il direttore generale, accentra i poteri di indirizzo e di gestione dell'ente stesso; si tratta, quindi, di una funzione di amministrazione attiva e di rappresentanza esterna dell'ente.

Il trattamento economico del commissario straordinario è espressamente previsto dalla legge e grava sul bilancio dell'ente pubblico.

La Commissione ritiene, pertanto, sussistere, sia per la natura dell'attività che per la sua remunerazione, i profili di incompatibilità all'esercizio della professione ed alla permanenza stessa nell'Albo, prescritti dall'art. 3, comma 2 del R.D.L. 27 novembre 1933 n. 1578.

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

incompatibilita' -  carica di amministratore straordinario di Unità Sanitaria Locale - Consiglio nazionale forense Parere  del 20-06-2012, n. 42 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

incompatibilita' -  carica di amministratore straordinario di Unità Sanitaria Locale - Consiglio nazionale forense Parere  del 20-06-2012, n. 42 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati